Anna Piaggi, indimenticabile Signora della moda

Anna-Piaggi-MFW

Anna Piaggi, foto A. de Moraes Barros

Scansione 1

“Omaggio ad Anna” di Beatrice Brandini

Oggi voglio parlare e ricordare un’altra magnifica figura femminile: Anna Piaggi, colei che ha contribuito a creare e comunicare il Made in Italy.

Non ci sono abbastanza aggettivi per descriverla, ci proverò parlando di creatività, eccentricità, personalità. intelligenza, senso dell’umorismo, coraggio, stile, irriverenza…….

Nasce a Milano nel 1931, inizia a lavorare con Mondadori come traduttrice, per poi convergere, agli inizi degli anni Sessanta,  nel mondo della moda, diventando una giornalista.

be3596d4-4563-43b6-a1cb-850fde0da54b.

Anna Piaggi ad una sfilata negli anni Ottanta, gqitalia.it

Inizialmente è la responsabile moda del periodico Arianna (ne ho una collezione abbastanza vasta e devo dire che era una rivista davvero interessante e moderna, soprattutto se contestualizzata nel periodo in cui veniva pubblicata).

Nel 1962 si sposa con Alfa Castaldi, grande fotografo di moda che spesso collaborerà con lei (i sodalizi di amore e arte generano grandi cose!).

Negli anni Settanta arriva a Vogue. Dal 1981 e il 1984 studia il progetto Vanity, rivista eccezionalmente all’avanguardia (ho tutti i numeri!), in cui ho “scoperto” Walter Albini, Antonio Lopez (ne parlerò più avanti, uno dei più grandi illustratori di tutti i tempi), Lorenzo Mattotti; modelle come Grace Jones, Jerry Hall e Iman, e tutta la moda degli anni ’80, moda che da lì in avanti ci ha reso popolari in tutto il mondo. Nel 1988, sempre su Vogue, inaugura la rubrica le “doppie pagine”, in cui individua e traccia in anticipo e con grande intelligenza, le tendenze; in quelle pagine ci sono infatti importanti riferimenti culturali, non è più solo moda, ma arte, teatro, storia del costume…. Alla fine degli anni Ottanta è opinionista prima di Panorama e poi dell’Espresso.

anna-piaggi-and-karl-lagerfeld-dapperfish.net-

Con Karl Lagerfeld, malesoulmakeup

In quegli anni Karl Lagerfeld le dedica un libro “Anna Chronique”. Nel libro la descrive così: “Anna inventa la moda. Nel vestirsi fa automaticamente quello che noi faremo domani”.

Nella vita privata colleziona di tutto, soprattutto abiti, viaggia (anche al fine di trovare l’oggetto “mancante”), e inventa il concetto del vintage prima che diventasse di moda.

Aveva un gusto così personale che stilisti e aziende la cercano come consulente, contendendosi i suoi consigli;  il “fashion system”  la decreta come musa. Anna è un occhio critico importante, anche “scomodo”, ma sempre diretto e pertinente.

Tom Ford Boutique Opening - MFW Menswear Spring/Summer 2009

Anna Piaggi, Repubblica.it

Con il passare degli anni la Piaggi cercherà, attraverso il suo abbigliamento, di comunicare, comunicare concetti, idee…. Le definirei delle “performance indossate”, ma nonostante l’abbinamento spesso azzardato, (amava le fantasie, il colore, i boa, il pitone, le velette e tutti i cappelli in genere), non era mai cattivo gusto.

Anna Piaggi

Anna Piaggi, Vogue

Bill Cunnigham, il fotografo del “New York Times” disse che la Piaggi “lavorava con gli abiti come i pittori con i tubetti di colore, e tra un secolo forse non si ricorderanno alcune cose della moda commerciale, ma le persone vorranno sapere chi era quella donna”.

amfAR's Inaugural Milan Fashion Week Event - Arrivals

Anna Piaggi, Repubblica.it

Con lei se ne va un personaggio geniale del mondo della moda, un personaggio che ha contribuito notevolmente a creare il made in Italy.

Arrivederci Anna, hai lasciato un segno indelebile anche tu, onore solo dei più grandi.

Buona vita a tutti!

Beatrice

14 commenti su “Anna Piaggi, indimenticabile Signora della moda

  1. I simply want to say I am very new to blogging and truly enjoyed this web blog. Likely I’m planning to bookmark your site . You definitely have great posts. Bless you for revealing your web-site.

  2. Amazing article, definitely regret not going to the USO style dinner. Keep up the great operate!

  3. Your method of writing really helps make my day. I wish more folks could be so excited and passionate relating to this topic as you are. Carry on the fantastic work!

  4. Asking questions arе genuinely fastidious tҺing if yoou arе not understanding something fսlly,
    bսt this post presents pleasant understanding уеt.

  5. This is very attention-grabbing, You are an overly skilled blogger.
    I have joined your rss feed and look forward to in search of more
    of your great post. Also, I have shared your site
    in my social networks

  6. I just want to say I’m new to blogging and truly enjoyed this blog. Very likely I’m planning to bookmark your blog post . You absolutely have excellent well written articles. Thank you for sharing your blog site.

  7. Quality content is the crucial to be a focus for the people to pay a quick
    visit the web page, that’s what this webb page iis providing.

  8. well it is beneficial weblog, lover! i am able to see your efforts to be able to, abide by done to you BTW!!!

  9. Pretty section of content. I just stumbled upon your website and in accession capital to assert that I acquire
    in fact enjoyed account your blog posts. Anyway I will be subscribing to your augment and even I achievement you access consistently quickly.

  10. Hello it’s me, I am also visiting this site daily, this site is actually nice and the visitors are
    in fact sharing nice thoughts.

  11. If you are going for best contents like me, simply go to see this
    web page every day since it gives feature contents, thanks

  12. Hey! I’m at work surfing around your blog from my new apple iphone!
    Just wanted to say I love reading your blog and look forward to all
    your posts! Keep up the outstanding work!

  13. Valuable information. Lucky me I found your web site by accident, and I’m stunned why this coincidence did not took place in advance!

    I bookmarked it.

I Commenti non sono disponibili.