Diana Vreeland

diana-vreeland_malesoulmakeup2

Diana Vreeland

Diana

“Diana” di Beatrice Brandini

DIANA VREELAND. “Lo style è tutto, lo style è la via per la vita, senza di esso sei niente”….

Alcuni miei schizzi rivisitando l’estetica della Vreeland.

DV_bon ton

DV_maschile

Diana Vreeland aveva stile, personalità e fascino. Diana Vreeland è stata una delle poche che è riuscita a raccontare, attraverso le pagine di una rivista, l’evoluzione di un’epoca di grandi cambiamenti come gli anni 60.

“Non amo il narcisismo ma approvo la vanità”; “La maggiore volgarità è qualsiasi imitazione della giovinezza e della bellezza”; “Noi facciamo spettacolo”; “L’occhio deve viaggiare”; alcune delle sue più celebri frasi.

DV_righe

DV_oriente

Nata e vissuta a Parigi nel momento in cui questo magico luogo era la capitale del mondo; pensiamo alla Belle Epoque, ai primi grandi couturiers come Poiret o Chanel, ad artisti come Picasso, Matisse, i locali notturni… Parigi era la vita!

Fu notata dall’allora direttore di Harper’s Bazaar che le propose una rubrica nella rivista,   “Why don’t you..?”, rubrica che anticipò i tempi insegnando alle donne della ricca borghesia come essere eleganti. Successivamente divenne redattrice capo per poi passare, nel 1962, a Vogue e diventarne direttore.

DIANA-VREELAND-LA-MIRADA-EDUCADA11

Capì che il fascino era la vera bellezza, fece infatti diventare delle icone (le modelle ancora non si chiamavano per nome, ma erano semplicemente dei “manichini” viventi) donne magnetiche come Twiggy, Veruschka o la Hutton, stravolgendo i classici canoni di bellezza.

Vogue 1966 Veruscka by Avedon

Vogue USA 1966- Veruschka by Avedon

Aveva un gusto talmente personale e avanti per quegli anni che i suoi servizi erano sensazionali, collaborando, come per le modelle, con giovanissimi ma telentuosissimi fotografi che si chiamavano  Beaton, Penn o Avedon. Concependo i servizi di moda come reportage, realizzati in giro per il mondo.

La sua rivoluzionaria visione indusse modelle, fotografi, stilisti (grande estimatrice di Valentino e Missoni, per esempio), ad esprimersi al meglio, il loro talento fu messo al servizio di questo personaggio dall’enorme estro creativo, diventando tutte delle celebrità.

Negli anni ’70 Vogue la licenziò su due piedi (anche le divine hanno delusioni, proprio come noi…, l’importante è non demoralizzarsi mai e ripartire), la sua interpretazione di moda come sogno non era più allineata ai tempi (io direi probabilmente anche che non era “al servizio” degli inserzionisti) .

Le venne offerto un incarico come consulente del Costume Institute del Metropolitan Museum. Anche in questo caso Diana rivoluzionò questa figura che fino allora era solo una sorta di “polverosa impiegata” volta ad archiviare e catalogare abiti. Lei raccontò la vita degli abiti, attraverso le loro epoche, con glamour e magia.

dianavreelander3-e1333361297876

DV al Metropolitan Museum

Era vivace, brillante, umana, anche se temutissima nel suo lavoro. Vreeland era il cognome del marito, il raffinatissimo Reed, sposato nel 1924 e con il quale costruì un unione saldissima e felice.

Amo profondamente questa figura femminile, così geniale, eccentrica, anticonformista, una donna che mi ha spinto ad intraprendere questa meravigliosa professione nella moda.. Un’anticonformista e una visionaria, con un gusto dell’estetica superiore alla media.

Grazie Diana per avermi ispirato!

Buona vita a tutti!
Beatrice

4 commenti su “Diana Vreeland

  1. Ciao Beatrice! Sei proprio un numero 1, l’ho sempre pensato e continuo ad averne conferma ogni volta da ciò che fai e dici. Ti seguo sempre e imparo un sacco di cose. In bocca al lupo per tutto e grazie di esistere! Angelo

  2. Loving the info by this web net position , you might have completed outstanding vacancy proceeding the gratify pertinent .

  3. Some genuinely polite and effective in sequence by this website, likewise I trust the design and style has fantastic features.

  4. It is free, user-friendly and most importantly it
    is highly customizable which makes it so popular among users.

    69 of the world’s top 100 brands now have a firm presence on the site.

I Commenti non sono disponibili.