Gio Ponti: maestro del bello

1 piatto 1 per blog

Piatto Gio Ponti per Richard Ginori

2-lisa

“LISA” di Beatrice Brandini 

Ci sono artisti talentuosi, altri sovrastimati, molti incredibilmente famosi, e poi ci sono artisti come Gio Ponti, quelli che qualsiasi cosa progettino e realizzino diventa pura bellezza e segno inconfondibile della loro estetica.

Come i più grandi, nella sua vita si è dedicato a più forme artistiche, all’architettura, al design (quando ancora questa parola non era nel vocabolario quotidiano), all’arredamento, alla pittura…. , raggiungendo ogni volta risultati eccellenti e “marchiando” la sua creatura, il suo progetto, come un “vero Ponti”. Penso che il suo segno sia inconfondibile, a tutti è probabilmente capitato di andare ad un asta, di visitare un museo, di vedere un oggetto stampato su una rivista e pensare “Che bello quel Ponti….”, immediatamente.

Angent Volant 2

Ange Volant

Due foto della magnifica casa progettata da Ponti per Tony H. Bouilhet, L’Ange Volant, a Garches, in Francia 1925-1926

Amante del colore come forma espressiva lieve e giocosa, appassionato dei materiali, non sempre di prima scelta (si narra infatti che cercasse nei retrobottega dei suoi fornitori quelli più “particolari”, più vissuti, come un legno nodoso o il marmo più naturale).

Ponti si distingue per l’originalità e diversità delle sue idee, non segue un processo creativo costante.

Giovanni Ponti, detto Gio, nasce a Milano nel 1891 da una famiglia di classe alto borghese;  dimostra fin da piccolo un talento artistico che lo avvicina alla pittura, tuttavia poiché quella del pittore era (adesso come allora) una carriera meno solida, si iscrive alla facoltà di architettura presso il Politecnico di Milano (negli anni trenta otterrà una cattedra presso questa importante università, che manterrà fino al 1961). In quegli anni la scena artistica era caratterizzata ed influenzata dal Futurismo, corrente rivoluzionaria e tumultuosa in cui si rinnegava il passato in virtù di un rinnovamento delle arti. Sebbene Ponti fosse amico di Marinetti, non condivideva alcune posizioni di questa corrente, soprattutto quelle più radicali, per Ponti il passato era invece importante, influenza della sua arte, passaggio verso il moderno. Amico anche di Carrà, di Sironi e di De Chirico,  quindi estimatore di quella pittura metafisica che tanto influenzò anche l’architettura.

5 Vaso 3    6 Vaso Ginori

Alcune ceramiche di Gio Ponti per Richard Ginori

7 Piatto 2    8 Vaso Ginori

Ceramiche Gio Ponti per Ginori

Nel primo dopo guerra aprì uno studio di progettazione, nel 1923 assume la direzione artistica della famosa casa di ceramica Richard – Ginori (azienda nata dalla fusione di due grandi manifatture, una milanese e l’altra fiorentina), posizione che manterrà fino al 1930, rinnovando completamente l’immagine non solo di Ginori, ma di tutta la ceramica italiana. Importante citare già che nel 1925, due anni soli dopo l’inizio di questa collaborazione, la Ginori vince il Grand Prix all’esposizione internazionale di Parigi.

9 Domus primo nr. 1928

Domus, fondata e diretta da Gio Ponti, primo numero 1928

Nel 1928 fonda Domus, un periodico che parla di architettura, arte, artigianato e design. Questa rivista ebbe moltissimi meriti,  quello di aver contribuito a diffondere alcuni temi culturali/artistici, aver dato consigli nel campo dell’abitare, ma soprattutto quello di aver divulgato un’idea del buon gusto ed del bello.

10 Schizzo per Blogjpeg    11 Schizzo per Blog    12 Schizzo per Blog

Abiti anni ’20-’30,  schizzi di Beatrice Brandini

Nel 1933 organizzò, insieme a Giuseppe Pagano, la Triennale di Milano, in cui tentò di far conciliare industria e artigianato, dando vita a quello che sarebbe poi diventato il design industriale italiano. “L’industria fa stile” diceva, esortando i giovani allo studio delle arti applicate e l’Italia ad iniziare una propria produzione moderna valorizzando maestranze locali.

 13 Lampadario-Venini-anni-50_672-458_resize    14 posate-per-Arthur-Krupp-con-manico-romboidale-1955_672-458_resize

Progetti Gio Ponti: Lampadario Venini, anni Cinquanta     Posate per Arthur Krupp, 1955

Disegnava vetri per Fontana, Artemide, Venini….. Mobili per Cassina, Frau, Ideal Standard.. nomi che insieme al suo hanno reso l’Italia famosa nel mondo. Nonché costumi per la Scala di Milano, tessuti da arredamento, macchine da caffè, posate…. Anche aziende straniere come Knoll, Krupp, Singer & Sons,… si interessarono alla sua opera, commissionandogli progetti.

15 Lo Stile

Copertina di “Lo Stile”, 1942

Nel 1939 inizio a collaborare con la rivista d’arte e letteratura italiana Aria d’Italia, sviluppando testi, disegni e copertine. Successivamente, nel 1941, si dimise da Domus per dar vita ad una nuova rivista d’arte, Lo Stile, edita da Garzanti.

Negli anni Cinquanta la sua fama raggiunge livelli altissimi, tanto che gli vengono commissionati importanti progetti come il rinnovamento della città di Baghdad da parte del governo iracheno. Con lui concorrono a questo progetto architetti come Frank Lloyd Wright, Le Corbusier, Walter Gropius.

Pirellone

Torre Pirelli vista da Piazza Duca d’Aosta

La Torre Pirelli, costruita fra il 1954 e il 1956, rappresenta l’apice della carriera di Ponti, chiamato a realizzarla a 63 anni. Si tratta di una dei primi grattacieli europei, alta 127,10 metri. Questa costruzione è, insieme al Duomo, il simbolo della città di Milano e testimonia la ripresa economica dell’Italia del secondo dopoguerra.

16 Superleggera_Gio_Ponti_-_Cassina_-_superlight_    17 Gabriela

Superleggera, 1957 sedia prodotta da Cassina     Sedia “Gabriela”, 1971 prototipo della ditta Walter Ponti 

Nel campo dell’arredo Ponti progettò pezzi che hanno fatto storia, come la famosa sedia Superleggera, prodotta ancora oggi, o come la poltrona Gabriela. 

architettura

Copertina di “Amate l’architettura”

Nel 1957 pubblicò il suo libro Amate l’Architettura, un prezioso regalo, un saggio sui temi dell’architettura. Ponti si occupò anche del layout del libro, le pagine avevano colori diversi per dividere gli argomenti. In copertina il suo motto: l’architettura è un cristallo; (l’architettura pura è un cristallo; quando è pura è pura come un cristallo, magica, chiusa, esclusiva, incontaminata, assoluta, definitiva, come un cristallo… Gio Ponti).

Il noto marchio di mobili Molteni&C ha messo sul mercato una nuova riedizione di mobili disegnati da Gio Ponti tra il 1935 e gli anni Cinquanta. Veri pezzi d’arte.

19 Villa Planchart Venezuela    20 Villa Planchart    21 gio ponti

Progetto architettonico di Gio Ponti: Villa Planchart Caracas, Venezuela

Mi piace sottolineare che oltre all’aver lasciato un segno indelebile con i suoi splendidi e rivoluzionari progetti, era un gentiluomo, la sua personalità era caratterizzata da calma, gentilezza e senso dell’umorismo; il suo sorriso era contagioso e disarmante….

abiti gio ponti    Abiti gio ponti 2

Mini collezione Beatrice Brandini ispirazione Gio Ponti

Arrivederci sig. Ponti, spero che anche lei sia una delle persone che un giorno potrò rincontrare e, chissà, avere il piacere di conoscere.

22 Volto collezione privata

“Volto”, disegno originale di Gio Ponti, collezione privata

Buona vita a tutti!

Beatrice

3 commenti su “Gio Ponti: maestro del bello

  1. I’m still learning from you, while I’m trying to achieve my goals. I certainly enjoy reading all that is written on your site.Keep the posts coming. I loved it!

  2. I just want to tell you that I am newbie to blogs and seriously savored this website. Almost certainly I’m going to bookmark your site . You really have perfect writings. Appreciate it for sharing with us your web-site.

  3. Heya i’m for the primary time here. I found this board and I
    in finding It really helpful & it helped me out a lot.
    I am hoping to provide one thing again and aid others like
    you aided me.

I Commenti non sono disponibili.