Murakami: “l’infantile” tocco del maestro…

1 Takashi_Murakami_Flower_Ball_

Takashi Murakami: “Flower Ball 3D Pink”, 2007

2 Yuki

“Yuki nel bosco di Murakami”

Non posso non amare questo artista così ludico, colorato, fumettistico, immaginifico…… , autore di occhi e motivi floreali inconfondibili. Con la sua arte mi concede di tornare indietro nel tempo,  in un isola fantastica che (sicuramente illudendomi) penso possa “proteggermi” dalle brutture del mondo …

3 champignon

Takashi Murakami “Champignon”

A Milano, nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale,  ancora per pochi giorni, c’è una bella mostra dedicata a Takashi Murakami. Dipinti, sculture, autoritratti e il primo lungometraggio diretto dallo stesso artista: Jellyfish Eyes.

4 tak mur a mi

Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale, mostra “Il ciclo di Arhat” personale di Takashi Murakami

5 Courtest Blum & Poe

Takashi Murakami “Courtesy Blum & Poe”, Los Angeles 2014

Murakami è l’artista giapponese contemporaneo più famoso al mondo, colui che attraverso la sua Factory (dal 1996 la Hiropon per diventare, nel 2001, la Kaikai Kiki Company), ha creato uno stile personalissimo fatto di infantilismo, colore, manga, sorpresa…. , portavoce di quella cultura nipponica che contraddistingue il Giappone contemporaneo.

6 takashi-murakami-2-1

Takashi Murakami “Flowers Blossoming in This”

L’idea della Factory è un omaggio esplicito a Andy Warhol (anche attraverso il titolo Cowboy che Murakami ha usato per l’opera “My Lonesome Cowboy”), ma se la Factory di Warhol era la crocevia newyorchese del movimento underground, quella di Murakami non ha niente di così “artistico-sentimentale”, è infatti una vera azienda con circa novanta persone che ci lavorano timbrando un cartellino (ve la immaginate Edie Sedgwick o Truman Capote timbrare un cartellino o semplicemente convivere con degli impiegati?). L’artista realizza personalmente e a mano tutti i suoi disegni, li scannerizza e colora con tecniche digitali, per poi passarli agli assistenti che li serigrafano su tela.

7 Takashi_Murakami_Guru_Guru_2008

Takashi Murakami “Guru Guro”, 2008

Murakami nasce a Tokyo nel 1962. Nel 1993 consegue una laurea in pittura tradizionale presso l’Università di Tokyo e vince una borsa di studio indetta dal MoMa che lo porterà a New York. Nel 2008 il Time l’ha decretato il rappresentate più influente della cultura giapponese contemporanea.

  8 Takashi_Murakami_Jelly_Fish_Eyes_2001

Takashi Murakami “JellyFish Eyes”, 2001

Molto orientato al business, negozia personalmente licenze e contratti commerciali. Ha creato palloni gadget serigrafati e numerati; prodotto e commercializzato pupazzi, agende,  t-shirt, skateboard…; borse, bauletti, custodie iPod… per Vuitton, su invito di Marc Jacobs, da sempre sponsor del binomio moda e arte; ha collaborato con Issey Miyake… rendendo incerto il confine fra la “high art” (arte alta), destinata agli intellettuali e ai ricchi collezionisti e “low art”, ovvero quella caratterizzata dagli oggetti prodotti in serie e rivolta al consumatore di massa, interpretando prima di altri il desiderio (che in Giappone trova forse i maggiori adepti), di possedere un oggetto di lusso entrato nell’immaginario collettivo.

9 speedy-30

Marc Jacobs e Takashi Murakami per Louis Vuitton Monogram Multicolor

10    ref-A50227

Altri esempi della collaborazione fra Takashi Murakami e Louis Vuitton

12

Tessuti Murakami per Louis Vuitton: Monogram Multicolor, Cherry Blossom, Eyes Serie, Monogram Ceries e Monogramouflage

13 louis-vuitton-5th-store-takashi-murakami-2

Negozio Louis Vuitton a New York personalizzato da Takashi Murakami

Murakami percorre tre temi in maniera ciclica, temi universali che sono “bellezza”, “sessualità” e “morte” e, sebbene il suo tratto, i suoi colori e soprattutto i suoi soggetti sembrino infantili, leggeri, ironici, ad una lettura più attenta si rivelano per quello che sono in realtà, ovvero testimoni e trasposizioni stesse di temi complessi dell’ attualità nipponica, fatta di catastrofismi atomici e ambientali, del culto del corpo potenziato e mutato, dell’inadeguatezza fisica, del sesso represso….

14 takashi-murakami-10201_1

Takashi Murakami, scultura

Credo, l’ho già ripetuto più volte, che l’arte deve farci star bene; quello che ci piace, che andiamo a vedere in un museo o in una personale, quello che sogniamo di acquistare, anche attraverso un poster o una litografia, deve principalmente rendere la nostra vita più piacevole e non solo esteticamente; ovunque sarà appesa, esposta, appoggiata… ci ricorderà un momento particolare e ci farà capire che la vita, nonostante le difficoltà e le delusioni, può essere sempre bella. L’arte per me è questo e assolve questa funzione, per questo l’ho sempre amata e, attraverso di lei, mi sono sempre costruita un mondo immaginario di totale protezione…

15 takashi-murakami 4

Takashi Murakami “And Then (White) 6000

Murakami dice: “L’artista, oltre a trasmettere una concezione del mondo e criticare la società, deve rispondere a delle aspettative. E’ legge di mercato. Per vendere, l’azienda deve conoscere i desideri dell’acquirente finale, fino a predirne le esigenze”. Anche per questo amo Murakami, non è ipocrita, non dice che l’arte deve essere solo sentimento e passione, ma le riconosce, oggi più che mai, un ruolo legato al business (Jeff Koons e Damien Hirst insegnano). Ma allo stesso tempo Murakami è un artista meticoloso (agli inizi della sua carriera un opera gli costava 4 mesi di lavoro, dedicando ad essa 18 ore al giorno), grande conoscitore del passato, soprattutto quello legato alla sua nazione, il Giappone, che tratta sempre con grande rispetto.

16 jellyfish-eyes-takashi-murakami-yatzer-8-678x450

Takashi Murakami foto Koichiro Matsui

Grazie Murakami, mi piace quello che fai e mi riconcilia con il mondo. Vorrei possedere una tua opera per appenderla in camera da letto, così da potermi addormentare beatamente felice.

A

Mini collezione “ispirazione Murakami”, di Beatrice Brandini

B

Mini collezione “ispirazione Murakami”, di Beatrice Brandini

C

Mini collezione “ispirazione Murakami”, di Beatrice Brandini

Buona vita a tutti!

Beatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *