Pitti Filati: Primavera / Estate 2018… ci vestiremo tutti di maglia! Prima parte

1 Ginevra

“Ginevra” di Beatrice Brandini

2

Spazio Ricerca di Pitti Immagine Filati

L‘80esima edizione di Pitti Filati si è chiusa con un aumento di buyers italiani (+ 3,5%) ed esteri (1%), un dato fondamentale per dare fiducia a tutta la filatura internazionale. Un trend positivo che si conferma oramai da qualche stagione, ma soprattutto che evidenzia come la leadership del filo sia di casa qui a Firenze e proprio a Pitti Filati.

3

MILLEFILI. Interessanti le proposte presentate di filati e disegni jacquard. Fantastico l’allestimento che, edizione dopo edizione, riesce nel difficilissimo compito di stupire ancora, peraltro positivamente, e di inventare un gadget per i visitatori a tema e personale. Davvero bravissimi!!!

4

MILLEFILI. Il muro esterno dello stand era formato da centinaia di macchinine colorate che creavano il marchio. WOW WOW WOW!!!!

5

MILLEFILI

6

MILLEFILI. Nastri raccolti in una sorta di rocchette creavano gradazioni di colore, abbellendo un muro completo.

7

MILLEFILI poi, se venivano scelti, raccolti in una mini e deliziosa valigetta di cartone.

8   9

MILLEFILI. “Drappi” jacquard dai più svariati disegni ed effetti

10   11

MILLEFILI

12

MILLEFILI. Palline di plastica che evocano ricordi lontani di spensierate vacanze estive

13

MILLEFILI. Ti scattavano una foto e diventavi tu stesso soggetto all’interno di una biglia/pallina, il proprietario di un set di palline unico.

Meraviglioso come sempre (forse anche di più!), lo Spazio Ricerca, curato da Angelo Figus e da Nicola Miller. Per quest’edizione il tema era “The Passenger”, il viaggio e i viaggiatori i protagonisti assoluti. La Primavera e l’Estate sono stagioni particolarmente favorevoli alla scoperta e conoscenza di luoghi, cose o persone. Il viaggio è sicuramente il mezzo più consono per assecondare questo bisogno. Ma viaggiare significa anche molto altro, come interpretare i propri sogni, significa libertà, assecondare la propria autonomia, la propria voglia di evasione e avventura, e, perché no, vivere limitatamente, periodicamente, oppure permanentemente, un’altra vita. L’atmosfera dentro lo Spazio Ricerca con i manichini vestiti e i punti maglia all’interno di valige vintage, era davvero magica e bellissima.

14

“THE WALK”. Un viaggio “spirituale”, l’abbigliamento è comodo e semplice. L’aspetto della maglia è naturale ma nasconde un’anima sintetica e tecnica che permette una performance e una manutenzione molto facile. Le fibre sintetiche assumono in questo tema un aspetto naturale.

15   16

“THE WALK”

17 bis

“THE WALK”

17

“THE WALK”

18

Interpretazione di “THE WALK” di Beatrice Brandini

19

“THE WALK”

20

“THE TREAT”. Viaggio alla ricerca della purificazione e del benessere fisico verso terre esotiche e lontane. Rigenerare corpo e anima con trattamenti per il corpo e la mente. Maglie fluide, spugne, disegni geometrici per lui, floreali per lei. Filati di viscosa, modal e cotoni super soft. Effetti bagnati per ricreare la lucentezza delle creme e degli oli.

21   22

“THE TREAT”

23

“THE TREAT” interpretato da Beatrice Brandini

24

“THE TREAT”

25

“THE ANYWHERE”. E’ un viaggiatore che non pianifica niente, ha sempre e solo la voglia di partire. Al caldo o al freddo, al Nord o al Sud, basta partire; si parte low cost ma cercando il confort. E’ un viaggiatore consapevole. Le maglie sono versatili, adatte al freddo e al caldo, al giorno e alla sera, come lana e la viscosa mescolate insieme, seta croccante, cashmere, lino fresco.

26   27

“THE ANYWHERE”

28

“THE ANYWHERE”

29

“THE ANYWHERE” interpretato da Beatrice Brandini

30

“THE ANYWHERE”

31

“THE RICH”. Crociere lussuose ed esclusive. Imbarcazioni da sogno e alberghi principeschi. Il tema della maglia è marino; dettagli oro, ma l’opulenza è raffinata e minimalista. Filati lussuosi di grande pregio come la vicuna e l’oro.

32   33

“THE RICH”

34

“THE RICH” interpretato da Beatrice Brandini

35

“THE RICH”

36

“THE GAME”. Viaggio all’insegna dell’attività sportiva. Turismo sportivo, colto e umano. Echi vintage con fogge dello sport come l’atletica, il tennis, il nuoto e la scherma degli esordi. Attività fisica anche come aggregazione e senso di appartenenza ad una “comunità”, ad un club. Condividendo valori di lealtà e amicizia. Le maglie riprendono tagli dello sport “retro’ “, lavorazioni e fogge meno high tech ma caratterizzate da filati come viscosa e cotone pettinato per un eleganza semplice.

37   38

“THE GAME”

39

“THE GAME”

40

“THE GAME” interpretato da Beatrice Brandini

41

“THE GAME”

42   43

E. Miroglio, sempre belli questi manichini vestiti di maglia. Per la prossima estate una ritrovata femminilità, elegante e leggera.

44   45

E. Miroglio

46   47

E. Miroglio

48   49

E. Miroglio

50

Vintage Selection, tema “Vintage Passenger”. Alla Leopolda prosegue l’interessante appuntamento fra abiti, accessori e oggetti di design vintage. Qui a Pitti Angelo Figus ha realizzato un’ istallazione che continua il tema dello spazio ricerca, IL VIAGGIO, collaborando per outfit con gli espositori del Vintage Selection.

51

“Vintage Passenger”

52

“Vintage Passenger”

53   54

“Vintage Passenger”  

55   56

“Vintage Passenger”

57   58

“Vintage Passenger”

59   60

“Vintage Passenger”

61   62

“Vintage Passenger”

63   64

“Vintage Passenger”

65

“Vintage Passenger”

66

“Vintage Passenger”

67

“Vintage Passenger”

68

Filati BE.MI.VA. Potrebbero essere dei quadri da appendere a casa, come un Burri, un Crippa, un Bonalumi, tanto sono belli questi “esercizi” di filatura jacquard.

69

Filati BE.MI.VA.

70

Filati BE.MI.VA.

71   72

LINEAPIU’ e LINEAPIU’ KNIT ART. Anche in questo non si può “limitarci” a chiamarli filati, ma sembrano (sono) arazzi artistici. Mai etichetta, KNIT ART, mi sembrò più appropriata!. Potrebbero essere appesi in un museo e nessuno noterebbe la differenza fra le altre opere d’arte. Davvero notevole lo sforzo stagionale, da parte dell’ azienda, di creare filati impalpabili, lucenti, preziosi e di realizzare dei disegni così belli. E’ stata acquistata e credo “salvata” (soprattutto per non essere svenduta e passata in mano estera) da Bastagli, noto imprenditore tessile toscano. Un bell’esempio di imprenditoria che mira si agli utili (l’azienda sta andando molto bene), ma anche alla salvaguardia del saper fare italiano, alla creatività e valorizzazione del patrimonio tessile/artistico di casa nostra.

73

LINEAPIU’ e LINEAPIU’ KNIT ART.

74   75

LINEAPIU’ e LINEAPIU’ KNIT ART.

76

LINEAPIU’ e LINEAPIU’ KNIT ART.

Concludo con quest’immagine del Botticelli, la sua Venere ricreata attraverso magici filati. Non potevo scegliere un’immagine più adatta di questa per tradurre il mio stato d’animo dopo Pitti FIlati, pura meraviglia!

La seconda parte nei prossimi giorni.

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *