Pitti Uomo, P/E 2015 – Parte seconda

1

Banner Pitti Uomo, leitmotiv di questa edizione “Ping Pong”

Mood Pale

“Pale” Mood Board di Beatrice Brandini

“Per fare il lusso serve l’Italia..” Sidney Toledano, CEO di Dior

Pitti Uomo è quasi al termine, domani si concluderà infatti l’86° edizione. Sono già trascorsi tre giorni ricchi di eventi, di visitatori provenienti da tutto il mondo, di presentazioni, di sfilate, inaugurazioni, mostre… ma la cosa più importante è che finalmente c’è un piccolo ma significativo dato di ripresa, sia in termini di compratori esteri, e, dopo molto tempo, di compratori e visitatori italiani.

La cosa mi fa enormemente piacere, soprattutto perché, e lo ripeto da mesi, le aziende italiane e il loro prodotto, fatto di creatività, di materie prime, di artigianalità, insomma di eccellenze, coese e operanti per creare articoli unici al mondo, non si sono arrese ma sono andate avanti, resistendo alle terribili intemperie di questi ultimi anni…(brave!). Ma anche volitive e coraggiose, tutte doti che alla fine premieranno; la lieve ripresa registrata in questi ultimi mesi ne è la conferma.

2

Sesta edizione di “WHO IS ON NEXT?UOMO” progetto che promuove i nuovi talenti, italiani o con base in Italia, della moda maschile.

3    4

Jimi Roos e Maison Lvchino

5    6

Mobi e Alberto Preimi Design

7    8

Stefano Ricci, eccellenza e lusso italiano senza tempo

Come avevo accennato nel primo post, ho individuato 4 temi principali, che ho riassunto in 4 Mood Board. Questi sono i due successivi:

Mood Art Eccentric

Mood Pale

Mood “Eccentric-Art-Creative” e “Pale” di Beatrice Brandini

9

Teckell, tavoli da gioco in puro cristallo, veri oggetti di design, oltre che di svago… Sono rimasta colpita e mi sono fermata alcuni minuti a contemplarli…. Bellissimi!

10    11

sempre della stessa azienda la linea Takto, orologi esclusivi in cristallo

12    13

14

Ravazzolo, bellissimo prodotto, materiali, taglio, rifiniture e cura dei particolari

La Fondazione Pitti Discovery riserva da alcune stagioni uno spazio ai nuovi protagonisti della scena economica e creativa internazionale. In collaborazione con Kocca – Korea Creative Content Agency – Guest Nation di questa edizione di Pitti Uomo è la Corea Del Sud, realtà in continua evoluzione nel panorama fashion, soprattutto nell’area di ricerca. Questa vetrina voleva anche celebrare i rapporti commerciali fra Italia e Corea, che da moltissimo tempo si distinguono per reciprocità e collaborazione.

15

Beyond Closed, adorabili stampe che giocano con l’ironia, quando la moda sa prendersi in giro…..

16    17

Beyond Closed

18

J Koo, optical retrò con proporzioni e tessuti moderni

19

20    21

Ordinary People, bella collezione e soprattutto belle calzature

22

23    24

ByungMun Seo, collezione molto particolare, soprattutto per l’utilizzo di tessuti. Eccentrica ma non volgare, con alcuni pezzi molto forti, probabilmente amati da Kanye West..

25    26

Resurrection, altra particolarissima collezione, cura per i tessuti e le stampe, interessante

27

Area Touch

28    29

Rumisu, foulard da uomo, ironici e un po’ retrò, vera poesia….

30    31

Moveroma, bellissimi cappelli dal sapore antico

32    33

An Italian theory, deliziosi accessori che riprendono uno dei simboli del Made in Italy, la pasta, carinissimi…. li voglio!!!

34

35

Saint Paul, eccentricità portabile… molto fresca e carina

36    37

Maison Marcy, raffinato e classico, con un tocco di originalità italiana.

39    40

North Sails, molto bella la proposta femminile più civile, un bon ton elegante e moderno

41

Henri Lloyd, intramontabile…

42    43

Proraso, storico marchio italiano di prodotti per barbiere, è presente all’interno di Pitti con un set apposito mette in scena il rito della rasatura, grazie anche ai barbieri Bullfrog di Milano che facevano riscoprire il piacere della rasatura “antica”…

44

Fiorio,  marchio storico di cravatte e foulard, ma anche di shorts da bagno…. Un immagine che traduce un po’ l’anima dell’italiano, per metà elegante e raffinato, per l’altra emotivo e tifoso, appassionato di calcio come di sua mamma… e speriamo che sia di buon auspicio.. W l’Italia!

45    46

Sedie customizzate denim…

47    48

Concludo con l’immagine del Battistero di San Giovanni, in Piazza Duomo, completamente “vestito” dalla stampa di un foulard di Emilio Pucci del 1957….  Pucci è lo sponsor del restauro dell’antico monumento.

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *