Sport e Moda: rivali o complici, una realtà!

1

Cartoline Sport Vintage

2

Felpa Puma – F.I.G.C. Italia, collezione leisure  2009, di Beatrice Brandini

Non sono una persona molto sportiva, ma ho un esperienza in questo campo quasi ventennale, avendo lavorato in Puma per più di 13 anni e per altre importanti aziende sportive come stilista e consulente. Amo poi lo sport come spettatrice, appassionandomi a tutte le competizioni belle, spettacolari, “SANE”…, nutrendo una profonda stima per chi lo sport lo pratica amatorialmente o competitivamente, perché considero il loro sforzo, in parte, un sacrificio…

3 tisci e nike

4 nike-riccardo-tisci-vogue-

Collaborazione Riccardo Tisci – Nike 2014.. semplicemente fantastica!

Poi da alcuni anni lo amo ancora di più, ovvero da quando le “divise” sono diventate più glamour, e la moda lo ha, in qualche maniera, contaminato… L’abbigliamento sportivo fino agli anni ’50-’60 rappresentava eleganza e stile, fuori e dentro il campo, forse perché era esclusiva di un élite, praticarlo e vederlo; successivamente è diventato più di massa, ed è stato un bene, ma purtroppo a discapito del buon gusto, mi riferisco alle tute in triacetato, agli slip in lycra da uomo, alle maglie da calcio aderenti e pesanti, che dopo il match puzzavano indecentemente, e a tanto altro….

5 1998 - Sander 6 alexander-mcqueen-puma-bianca

Puma Jil Sander, 1998                 Puma Alexander McQueen 

7 prada

Scarpe Prada Sport, Linea Rossa

8 kate

Redazionale su Vogue Paris, Kate Moss fotografata da Mario Testino

La moda ha reso lo sport più piacevole, influenzandolo o addirittura plasmandolo a sua immagine e somiglianza (vedi collaborazione, Co-branding, fra designers e marchio), ma anche lei, la moda, ha potuto sfruttare le competenze tecniche dello sport, che in questi ultimi anni sono diventate sempre più interessanti, elaborando, per esempio, tessuti resistenti, tecnici, che mescolati a quelli “classici” hanno generato sorprendenti risultati.

9 gucci_equestrian_linea abb equestre 2013 cruise    10 Gucci_collezione_sport

Collezione Gucci Equestre, Cruise 2013. Testimonial Charlotte Casiraghi

Inoltre gli sportivi sono diventati vere e proprie icone di stile, rimpiazzando in parte i divi del cinema o della musica, soprattutto per le nuove generazioni, diventando esempi da seguire. I marchi di lusso hanno intuito la loro “forza” e il loro potenziale, arruolandoli, sempre più spesso,  come testimonial (vedi Beckham, Ronaldo…).

11 cristiano-ronaldo-    Style:

Cristiano Ronaldo e David Beckham per Emporio Armani Underwear, 2009 e 2010

Da qualche anno, inoltre, gli stilisti hanno firmato le divise delle Nazionali del calcio, non quelle in campo ma quelle istituzionali, quello che viene definito il formalwaer, dando un immagine univoca e decisamente più elegante alle squadre, vedi Dolce & Gabbana per la Nazionale Italiana, Giorgio Armani per quella Inglese, Hugo Boss per la Germania, ecc. ecc.

13 Adidas per Topshop    14 Stella per Adidas

Adidas per Topshop                       Collezione Stella McCartney per Adidas, PE 2014

Forse fra le prime a capire le potenzialità dell’abbigliamento sportivo, comodo, informale.., fu Coco Chanel con la creazione di abiti in Jersey, tessuto fino all’ora usato  esclusivamente  nel mondo dell’intimo; essa contribuì moltissimo alla democratizzazione dell’abbigliamento, sdoganandolo anche per il tempo libero e quindi, per svolgere attività sportive. Dopo poco, sempre per mano di Coco, la nascita del pantalone per la donna, del pyjama da spiaggia (che lei stessa indossò molto volte), la realizzazione di accessori come sciarpe e cappelli, usati per praticare sport invernali e poi di gran moda anche per la città. Anche Elsa Schiaparelli, nel 1927, creò una linea “Schiaparelli Pour le Sport”…. Non è un caso che siano state proprio le donne a capire che la moda doveva essere più portabile, del resto noi donne quando si tratta di praticità e funzionalità, non abbiamo rivali!

15 emilio-pucci-rossignol2007    16 chanel-sport

Emilio Pucci per Rossignol, 2007                             Lo sci di Chanel

 17 Y318 Y3 cinque

Collezione Uomo Y3 (Yamamoto) Adidas, PE 2014

Poi ci fu Hermès che, nel 1929, creò come primo capo una giacca da golf, la rivoluzione  fu nella chiusura della stessa che avveniva attraverso una cerniera, un utilizzo, e una gestualità che diventerà, da lì in avanti, più veloce e sportiva.  Poi sarà la volta di Jean Patou, che a Deauville inaugurò una boutique per l’abbigliamento da spiaggia con costumi da bagno molto innovativi, ma soprattutto, creando la divisa sportiva per la tennista Suzanne Lenglen, primo esempio di una collaborazione fra moda/marchio/stilista e sport.

19 suzanne 20 suzanne lenglen 21 Jean_Patou_-tenue_portee_par_Suzanne_Lenglen_-_1926-15b2d-a7543

Suzanne Lenglen vestita da Patou

 22 Y323 Y3 due24 Y3

Collezione Donna Y3 (Yamamoto) Adidas, PE 2014

Ma di esempi ce ne sono tantissimi altri, non basterebbe un libro a racchiuderli e raccontarli….Jean-Charles de Castelbajac per K-Way; Karl Lagerfeld con Chanel con  i Moon Boot, e con la creazione di accessori come tavole da snowboard o da surf; Emilio Pucci con Rossignol; Jil Sander con Puma; Adidas con Yamamoto e la linea Y3, fino a Prada con Luna Rossa e la sua linea Prada Sport; le calzature erano diventate, alla fine degli anni ’90, un pezzo irrinunciabile, vera identificazione con un brand e l’appartenenza ad un “clan”, grazie ad un accessorio che diventa uno status symbol (l’inconfondibile fascetta rossa nella suola), e, per il marchio, una potentissima e scaltrissima operazione di marketing.

25 linda 126 linda 227 linda 3

Redazionale Linda Evangelista fotografata da Steven Meisel per Vogue Italia, 2003

Molti anni fa il proprietario di un famoso negozio di calzature a Firenze, Raspini, mi disse che quando vide abiti formali maschili abbinati sneakers pensò che il loro “ruolo”, di calzaturieri di lusso, fosse finito e con esso, l’eleganza…. da una parte credo che avesse ragione, in fondo l’abbigliamento sportivo ha rivoluzionato la moda e il modo di vestire,  non sempre con risultati eccelsi, non sempre migliorandola, ma è innegabile che il mondo si evolve e che sia interessante, quindi, sdrammatizzare qualcosa di “serio” facendolo ringiovanire, sia attraverso l’abbinamento con altro (con l’inconsueto), sia soprattutto rendendo chi lo indossa più disinvolto, giovane, umano….

…..Per questo W lo sport e W lo sport che democratizza la moda…

28 Italia

Collezione Puma-F.I.G.C. Italia Nazionale, 2005,  ideata da Beatrice Brandini

29 collezioni BB Lazio

Collezione Puma-S.S.Lazio ideata da Beatrice Brandini

30 collezioni BB

Collezione Puma-S.S.Lazio ideata da Beatrice Brandini

 31 tom dixon    32 raf simons

Ultime “chicche” Collezione Tom Dixon per Adidas e Raf Simons per Adidas

33 jeanpaul gaude34 lachapelle

Foto di Jeanpaul Gaude                 Foto di David Lachapelle

Buona vita a tutti!

Beatrice

Un commento su “Sport e Moda: rivali o complici, una realtà!

  1. Just wish to say your article is as amazing. The clarity in your post is just excellent and i could assume you are an
    expert on this subject. Fine with your permission let me to grab your RSS feed to keep up to date with forthcoming post.
    Thanks a million and please continue the rewarding work.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *