Tendenze Milano Unica Autunno – Inverno 2019 – 2020

Scorcio allestimento Milano Unica Preview, credits Milano Unica

Mood board “Techno Romantic Azerbaijan” di Beatrice Brandini

Si è svolto a Milano il consueto ed interessantissimo incontro con il preview delle tendenze per l’Autunno Inverno 2019 – 20 promosso e organizzato da Milano Unica.

In questa edizione il tema è “Nations to Nations”, un manifesto che ha varie, e molto attuali, chiavi di lettura. Sostanzialmente “Uniti per essere Unici”, vuole promuovere un messaggio di positività e di unione fra popoli e culture, un invito alla collaborazione e al legame simbolico tra persone e tradizioni diverse. Mi è sembrato un messaggio importantissimo in un momento storico in cui, qualcuno vuole costruire muri, e molti affliggere persone o intere popolazioni che non conoscono altro che la disperazione.

Scorcio allestimento Milano Unica Preview, credits Milano Unica

Il mondo della moda è spesso sotto i riflettori per la sua anima glamour e mondana, ma in realtà la moda è sempre stata collegata a fatti e temi sociali, non a caso le più importanti correnti estetiche di costume hanno sempre attinto dal tessuto culturale e sociale del periodo in cui erano espresse (pensiamo al punk, al mod, al grunge, ecc.). Inoltre è proprio la moda, con i suoi creatori e le sue battaglie, ad aver sempre dimostrato, più che in altri settori, un’apertura mentale molto grande.

La grande trasformazione mondiale a cui stiamo assistendo, dovrebbe stimolarci ad una convivenza pacifica e ad un arricchimento culturale frutto della diversità dei popoli, delle diverse peculiarità nazionali, delle caratteristiche specifiche di ciascun popolo e di ciascuna individuo. Nation to Nations è un invito ad aprirsi, ad accogliere il nuovo e diverso (da noi) come un’opportunità.

   

Mood board “Organic Grunge Romania” di Beatrice Brandini

Sul piano delle tendenze Stefano Fadda, Art Director della Commissione stile di  Milano Unica, ha immaginato tre tipologie di Nations to Nations, paesi agli antipodi legati però da tre concetti di stile:

Il Grunge Organico, l’Essenzialsimo Artigianale e il Tecno Romantico.

Come di consueto, ho elaborato dei mood board ispirandomi a questi temi .

   

Mood board “Organic Grunge Turchia” di Beatrice Brandini

Il tema Grunge Organico rimanda a temi etici ed ecologici, i paesi presi in esame sono Scozia, Turchia e Romania, tutti legati dalla natura e dalla vita all’aria aperta che ha radici contadine.

Decorazioni floreali e animali, ispirazione dei disegni dell’artista rumeno Aitch, 

Tessuti scozzesi, tartan; tessuti di origine naturale, come lane e cotoni, ma spalmati,  usurati o stinti. Pellami idrorepellenti, fil coupé, fili rustici, 

Colori Arancio ace, ruggine, zenzero, bordeaux, bianco soia, verde minerale, celeste ghiaccio e un blu magnesio.

Mood board “Organic Grunge Scozia” di Beatrice Brandini

Scorcio allestimento Milano Unica Preview, Grunge Organico. Credits Milano Unica

Scorcio allestimento Milano Unica Preview, Grunge Organico. Credits Milano Unica

Il tema dell’Essenzialismo Artigianale parte dallo straordinario artista Bruno Munari, ispirandosi a forme geometriche basiche come il triangolo, cerchio, rettangolo e quadrato. Questa base di partenza genera un concetto che coniuga semplicità e artigianalità, purezza di linee  e di architetture. Nazioni coinvolte Corea del Sud, Svizzera e Svezia.

Decorazioni rigorose ma luxury per materiali e tecniche.

Tessuti double e accoppiati, neoprene, materiali gommosi, panni.

Colori “color block”, giallo grigio cemento, lilla, rosa, blu , cristallo acquamarina, cammello. Mogano.

   

Mood board “Handcraft Essential Korea del Sud” di Beatrice Brandini

   

Mood board “Handcraft Essential Sveden” di Beatrice Brandini

Mood board “Handcraft Essential Svizzera” di Beatrice Brandini

Scorcio allestimento Milano Unica Preview, Essenzialismo artigianale. Credits Milano Unica

Il terzo tema Tecno Romantico coniuga romanticismo, decoro e tecnologia. Le nazioni protagoniste questa volta sono il Belgio, l’Azerbaijan e l’Indonesia. L’ispirazione parte dalla pittura fiamminga, caratterizzata da nature morte e motivi floreali, per arrivare alle architetture moderne della capitale dell’Azerbaijan, Baku. Qui decoro e hi-tech si sposano dando vita a s sorprendenti effetti tattili e visivi.

Decorazioni floreali, pattern di interior designer, geometrie.

Tessuti velluti devoré, popeline rigidi, sangalli, tessuti cangianti, georgette superdecorate, pizzi gelatinosi.

Colori caleidoscopici, viola lacca, grigio tempera, bianco, carta da zucchero.

Mood board “Techno Romantic Azerbaijan” di Beatrice Brandini

Mood board “Techno Romantic Belgium” di Beatrice Brandini

Mood board “Techno Romantic Indonesia” di Beatrice Brandini

Scorcio allestimento Milano Unica Preview, Tecno Romantico. Credits Milano Unica

“Questi concetti che hanno ispirato Tendenze A/I 2019-20 sono proposti perché il tessile è arte strategica di una filiera capace di ispirare scelte, gusti, nuove riflessioni. In questo disgelo tra monte e valle, attori importanti sono i produttori tessili-accessori, i designer, gli studenti e, last but no least, i clienti” afferma Antonella Martinetto, Presidente di Moda In con delega di Milano Unica alle tendenze.

Grazie Milano Unica per ispirarci e ogni volta sorprenderci.

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *