W. Women in Italian design @ Triennale di Milano: D di Design, D di Donne, D di dedizione, D di dovere, D di discriminazione, D di delicato… D MERAVIGLIOSO!

1

Ingresso W. Women in Italian Design

2 La Designer

“La designer” di Beatrice Brandini

Alla Triennale di Milano fino al 19 febbraio 2017 c’è una mostra bellissima che racconta la storia del design italiano femminile, proponendo oggetti incantevoli, poetici, divertenti, utili, affascinanti… proprio come solo le donne sanno essere.

Purtroppo termina fra pochi giorni, chi potrà ancora andarci ne sarà stupito poiché è davvero molto interessante, quelli che mi seguono da molto lontano,  invece, potranno vedere alcune immagini e farsi un’idea da questo post.

3

Allestimento e scorcio della mostra

4

5   6

La mostra, curata da Silvana Annichiarico e allestita da un progetto di Margherita Palli, vuole sottolineare come la creatività femminile abbia rivoluzionato ed influenzato il design moderno, oltre i confini nazionali. Ma non solo, questa mostra evidenzia un concetto molto più vasto ed importante, ovvero che in anni in cui il panorama artistico era dominato prevalentemente (esclusivamente) da presenze maschili, in realtà le donne erano attive e prolifere, l’esibizione testimonia infatti come e quanto lavorassero in quegli anni, dando vita ad oggetti importanti, moderni, iconici. Le donne non erano sotto i riflettori ma c’erano, le decine di oggetti presenti in questa mostra ne sono una dichiarazione assoluta. Come dice la stessa Annichiarico “il lettino icona Daybed non fu opera del grande Mies van der Rohe, quanto della sua compagna Lilly.”

7

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

9

Lampada Pipistrello di Gae Aulenti. Fantastico oggetto di design

10

12

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

Il percorso della mostra è cronologico, scandito da importanti verbi “guida” come INTRECCIARE, PROTEGGERE, PROCREARE…. Verbi che sicuramente si addicono più alla donna che all’uomo, e che qui, attraverso la creatività e l’operosità di queste grandi artiste, sono tradotti in manufatti.

13

14

15   16 bis

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

Ci sono le più grandi protagoniste del design del Novecento, come Gae Aulenti, Cini Boeri, Patricia Urquiola, Paola Navone, solo per citarne alcune, insieme a quelle più giovani ed emergenti, tutte unite dall’attitudine alla creatività e al rigore progettuale.

18

Scarpe Cinzia Ruggeri. Forse la prima fashion designer a mescolare arte, costume e moda. Creazioni davvero speciali, soprattuto se le contestualizziamo, ovvero fra la fine anni settanta e i primi anni ottanta.

20

21

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

22

23

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

26

27

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

28

Maddalena Sisto. Ero una giovane studentessa e le sue poetiche e ironiche figurine sottili erano molto famose. Ne ero innamorata!

31

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

Anche nella moda, da alcune stagioni, le sfilate, le campagne, i prodotti, puntano sempre più sul “no gender”, sarà la necessità di accorciare i calendari, i costi, ed, eticamente, gli sprechi, sarà che ormai dovrebbe essere davvero sdoganato un concetto (pregiudizio?) arcaico come quello che definisce donna e uomo “gentil sesso” o “sesso forte”, ma quotidianamente vediamo che purtroppo non è ancora tutto così scontato. La storia del design, ma potremmo aggiungere anche quella scientifica, politica, manageriale… ha, in un passato davvero troppo recente, cancellato le artiste donne. Come se le donne non ci fossero state. Ignorate da storici e teorici del design.

33

35

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

36

Baby Alien di Fulvia Mendini

37

40

41

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

42

43

44

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

45

46

47

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

48

51

52

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

53

Francesca Lanzavecchia e Hunn Wai “Metamorfosi Vegetali”

54

55

56

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

57

58

59

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

60

61

62

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

63

Allestimento della mostra di W. Women in Italian Design

64

65

66

67

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

68

69

70

71

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

73

76

77

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

78

79

80

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

81

82

83

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

84

85

86

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

87

88

89

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

90

91

92

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

93

95

96

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

97

Helen Koning Scavini – Lenci

98

Helen Koning Scavini – Lenci

99

Helen Koning Scavini – Lenci

100

102

103

104  105

Opere della rassegna W. Women in Italia Design

106

In verità questa sarebbe stata l’ultima sezione, quella dedicata al tema della tessitura, in cui si accede dopo il passaggio lungo una scenografica passerella. La sala mette in risalto come le donne, da Penelope in avanti, hanno saputo esprimere la loro creatività (ed utilità) intrecciando fili.

108

Olivetti 32 di Lucia Biagi

109

Topo Gigio creato da Maria Perego

Concludo con questo famosissimo personaggio ideato dalla mente creativa di una donna nel lontano 1959. Diventò una mascotte per tutti i bambini, in un epoca in cui i protagonisti dei cartoni duravano molto di più di una sola stagione e dove spesso erano gli unici beniamini. Dite la verità, quanti di voi che lo conoscevano sapevano che la sua creatrice era una donna?!

110

Ingresso esposizione

Arrivederci donne straordinarie che avete creato ed elaborato meravigliosi oggetti, sudando e faticando sicuramente più degli uomini, soprattutto per cercare quel rispetto e quel riconoscimento che spesso, ancora oggi, non c’è e che non è mai equiparato allo sforzo impiegato.

Buona vita a tutti!

Beatrice