Walter Albini, inesauribile creatività

Lulu

“Lulu a Hollywood” di Beatrice Brandini 

p001_1_02

Omaggio a Walter Albini

”Rimprovero ogni giorno a tutti una brutta verità: il fatto che in ogni modo si cerchi di uccidere i sogni”.  Walter Albini

Ho iniziato questo piccolo omaggio ad uno dei più grandi stilisti degli anni ‘70 e ‘80, con una sua dichiarazione che si commenta da sola.

E’ stato uno dei primi a capire l’importanza del tessuto, a ritenere l’abito, senza accessorio, gioiello, ricamo, una tela bianca.

Amava Barbier, Erté, Poiret, l’art Déco, ma anche l’Oriente, le dive di Hollywood, Venezia, il Teatro….

erte-amethyst1VSb7gjy_FzMZSHDS2BndxJLbDpDbIcGhYfo-_wQNrgg=

ERTE’

PHOTO_1666327_16878_3295437_ap116_xl_AC02388

POIRET

JC_shortArt_vintage_coperti_208        bigVeneziaEnit

L’ORIENTE – VENEZIA

marlene dietrich shanghai express 4

MARLENE DIETRICH

Era un perfezionista maniacale, niente era lasciato al caso e le sue sfilate erano sempre un evento. Aveva un senso della moda internazionale.

Gualtiero Angelo Albini nasce a Busto Arsizio nel 1941.

Alla fine degli anni ’60 esordisce come illustratore (la Sozzani lo definì il Pittore della Moda) nella rivista Mamme e Bimbi. L’allora redattrice, Silvana Bernasconi, narra che, con Albini, entrarono in redazione fantasia e libertà di idee.

Dopo alcuni anni di illustrazione, Walter va a Parigi dove si fermerà per un po’ e dove rafforzerà il suo amore per il Déco e per Chanel. Da questa città collaborerà per il Corriere Lombardo e come consulente per varie aziende di moda (dall’illustrazione alla creazione). Le sue donne si evolvono diventando inquietanti (Parigi è stata una tappa fondamentale per questo cambiamento).

art-deco-poster-by-victor-sarabia

L’AMORE PER L’ART DECO

Nel 1963 collabora con la rivista Vanità e disegna la sua prima collezione completa.

Nel ’64, dopo un casuale incontro con Krizia a Parigi, inizierà una collaborazione che continuerà per alcuni anni, disegnando per lei molte collezioni. Successivamente collaborerà per Cadette, Cole of California (costumi da bagno), Billy Ballo (sfilando molte volte e per molte case di moda a Palazzo Pitti, luogo prestigiosissimo e pioniere, allora,  per la nascita del  pret- à-porter).

Alla fine degli anni ’60 inizia una stretta collaborazione con Gimmo Etro, la ricerca dei tessuti rimarrà sempre una costante nella sua ricerca stilistica.

26722-walter-albini-1971-misterfox-evening-gown-etro-hprints-comalb0

Campagne pubblicitarie realizzate con disegni di Walter Albini

Nel frattempo sta diventando uno degli stilisti italiani più acclamati e richiesti. Collabora per più case di moda, riuscendo a creare un’immagine unitaria, grazie ad un segno stilistico netto e preciso. Nel 1971 decide di rompere con Firenze e di presentare le sue collezioni a Milano (probabilmente è da questo episodio la nascita delle sfilate milanesi!); non gli bastava più la passerella fiorentina, dove le sfilate erano “globali”, doveva avere una passerella personale, un attenzione completa dai media e buyers, lo esigeva la sua inesauribile creatività. Sarà un trionfo! testate come Corriere della Sera, Women’s Wear Daily, lo esaltano decretandolo come il più importante e innovatore stilista italiano. Davvero con Walter Albini è nato il pret-à-porter italiano. Collabora per Callaghan, Basile. ecc., la stampa, anche quella estera, continua a seguirlo e osannarlo (Vogue USA o il Daily Telegraph).

26718-basile-1971-walter-albini-suit-coat-fox-terrier-dog-hprints-com

In questi anni, 1972, cominciano anche le prime insofferenze verso il sistema moda. Fa una sfilata bellissima ma molto lunga, 3 ore, la stampa si lamenta. Ci sono moltissime idee ma alcune sono troppo avanti per quegli anni. Albini rompe i contratti con Basile e Callaghan e con il suo produttore principale. Medita di chiudere con la moda perché troppo limitativa per la sua creatività, per dedicarsi al cinema e teatro.

26720-walter-albini-1971-basile-escargots-fashion-sports-hprints-com

Tuttavia all’Hotel Blakes di Londra presenta una sfilata che sarà un enorme successo. La stampa estera lo definisce come il più grande, un innovatore, atteso e copiato da tutti in tutto il mondo, la sua fama e la sua bravura, sono, secondo molti giornalisti, al pari di quelle di Saint Laurent e Karl Lagerfeld.

vogue_italia_april_1971_walter_albini2

VOGUE  Aprile 1971

E’ il primo che in quegli anni disegna personalmente l’invito della sua sfilata anticipando i cataloghi di moda. E’ il primo ad inventare un nuovo modo di fare pubblicità, inoltre, con il concetto del groupages, sono i fornitori a pagare le pagine su Vogue, e non le case di moda o gli stilisti. E’ il primo a creare una colonna sonora che si ispira o sposa completamente con gli abiti presentati, così come per i nomi degli stessi.

vogue_italia_april_1971_raphaelle

VOGUE Aprile 1971

Pia Soli, Adriana Mulassano, Maria Pezzi, le prime grandi giornaliste di moda italiane,  lo  stimano enormemente.

Nel 1975 crea una collezione di Alta Moda che presenta a Roma inspirata a Chanel, tutti i principali giornali italiani ne esaltano la bellezza. Nello stesso anno inizia la collaborazione con Helyette e presenta la prima collezione uomo a Milano.

chanel

CHANEL, l’immagine ideale di eleganza e personalità per Albini.

Nel 1977 presenta la collezione Trell. Vogue Francia scrive: “Albini è il personaggio più angoloso e angosciato della moda italiana, possiede la sregolatezza propria dei geni”. Collabora ancora con Helyette e Ferrari gli propone di produrre e commercializzare la linea Walter Albini.

Nel 1978 presenta una collezione di ispirazione militare che sarà forse il suo più grande successo. Alla sfilata partecipano 3000 persone, tutti vogliono essere presenti all’evento. Corriere della Sera, Giornale Tessile, Women’s Wear Daily e molti importanti giornalisti e compratori italiani e stranieri lo consacrano, definendolo un genio. Americani e Giapponesi sono interessati alla sua collezione. Cito solo alcune delle decine di dichiarazioni entusiastiche:  “La collezione di Albini contiene idee per anni”. “Molti milanesi guardano ad Albini”. “Walter è un grande”….

Tuttavia in questi anni diventa anche un po’ inquieto. Nel 1977 finisce la collaborazione con Trell e nel 1978 nonostante il successo, rompe con Ferrari. Inizia a collaborare con Lanerossi ma anche qui è rottura. Queste grandi delusioni lo provano enormemente, non starà più bene e nel 1983 morirà a soli 42 anni.

Maria Pezzi, penna arguta e capace del giornalismo italiano, alcuni anni dopo dichiarò che si sentiva responsabile della morte di Walter per averlo abbandonato, nuovi talenti sorgevano ed esigevano una platea. Peccato che nessuno fosse all’altezza di Albini.

Sicuramente anticipò i tempi e come spesso accade per i geni, non fu completamente compreso. Il rammarico è che non riuscì mai a vedere che quello che fece, per lui naturale, era in realtà il “FUTURO” della moda.

Abiti che sarebbero piaciuti a Walter, di Beatrice Brandini

18

19

20

20 Anjelica

Anjelica di Beatrice Brandini

21 Penelope

Penelope di Beatrice Brandini

22 walter albini design

Invito sfilata Walter Albini, collezione privata

970076_10152035087214377_845351837_n

WALTER ALBINI

Buona vita a tutti!

Beatrice

10 commenti su “Walter Albini, inesauribile creatività

  1. Many thanks for a further useful web page. Exactly where in addition could I buy that variety of information written in this type of fantastic usually means? I’ve a enterprise that we are just now jogging in, we happen to be for the watch out for similarly info.

  2. It isn’t generally very easy to keep favourable, but bordering myself with great friends along with a suportive family always makes it less difficult. I remind myself continuously that each day is often a reward, and we are lucky to get up just about every morning and choose part in it…

  3. I simply want to mention I am just all new to blogging and site-building and honestly savored your web site. Almost certainly I’m planning to bookmark your blog . You actually come with good stories. Regards for sharing your website.

  4. Simply wish to say your article is as astonishing. The clearness in your post is simply great and i can assume you’re an expert on this subject. Well with your permission allow me to grab your feed to keep up to date with forthcoming post. Thanks a million and please carry on the enjoyable work.

  5. Having the good health and financial resources to travel with my wife as much as possible, to see more on the planet and meet more of its men and women.

  6. My relatives all the time say that I am killing my time here at web, except
    I know I am getting familiarity every day by reading such pleasant content.

  7. Thanks for the marvelous posting! I seriously enjoyed reading
    it, you may be a great author.I will be sure to
    bookmark your blog and will often come back later on. I want to encourage you continue your
    great job, have a nice holiday weekend!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *