John Currin: l’imperfezione che diventa ARTE

1 to go see 1999

John Currin, “The go see”, 1999

2 Sole e Orchidea

 “Sole e Orchidea” di Beatrice Brandini

Adoro John Currin da sempre, trovo che le sue figure imperfette (quasi esclusivamente femminili), spesso emblema della “vuota” ricchezza americana (vuota perché sterile e annoiata, estremamente consumistica, senza passioni amore, pulsioni…), siano alla fine irresistibili e, in un modo inconsueto, incantevoli.

3 rachel in fur 2002

“Rachel in Fur” 2001, opera di John Currin (la mia preferita!)

Si, nonostante le leggere o evidenti “storture” (troppo magre, troppo in carne, rugose, strabiche, finte, plastificate…), la sua arte è incredibilmente bella, diversa, direi quasi inquietante (ma perbacco, una delle principali funzioni dell’arte è quella di suscitare emozioni!).

4 Sno Bo 1999    5 costance towers 2009

John Currin “Sno-Bo”, 1999                    John Currin “Costance Towers”, 2009

John Currin è considerato uno dei più importanti pittori contemporanei, anche dei più quotati, fa parte della scuderia di Gagosian e le sue tele superano tranquillamente il mezzo milione di dollari. Nato in Colorado si diploma alla prestigiosa scuola d’arte della Yale University. La sua arte mescola rinascimento e manierismo, pop art e pornografia (gli ultimi lavori sono davvero “forti”). Ma non solo, l’arte di Currin denuncia il moralismo del “politically correct” americano, prendendo in giro quella classe sociale che mai ama prendersi in giro. Dietro quegli sguardi vitrei e quei sorrisi forzati, dietro quei perfetti completi  e abiti firmati, c’è tutta la decadenza morale di una società attratta solo dal denaro. Currin racconta la “buona” borghesia americana che ha perso il senso del giusto, di se stessa, del proprio futuro.

6 miss fenwick 1996   7 Heartless 1997

John Currin “Miss Fenwick”                       John Currin “Heartless”, 1997

Tecnicamente molto capace, diventa quasi un calligrafo nel definire i dettagli di abiti e particolari dei suoi protagonisti e anche questo aspetto diventa conturbante, inquietudine, rarefazione…

8 the cripple 1997    9 Honeymoon nude

John Currin “The cripple”, 1997  e “Honeymoon nude” 

Guardate bene ogni opera di questo geniale artista, le sue donne che ad un primo colpo d’occhio vi sembreranno belle e perfette, dopo uno sguardo più attento risulteranno per quello che sono, sproporzionate, irrisolte, cariche di atteggiamenti lascivi, a volte al limite della pornografia (altre volte proprio pornografiche).  La genialità di Currin è proprio questa, usare la bella pittura, la precisione e la conoscenza dell’arte e dei modelli antichi,   per trasformarla nel “grottesco”,  ma non caricaturale, creando un arte che non è mai banale ma anzi è espressione colta.

10 the pink tree

John Currin “The pink tree”

Avrei voluto disegnare una donna alla Currin, ma poi non ho voluto (probabilmente non ne sarei stata nemmeno capace), ho pensato che il suo stile, così personale, doveva rimanere tale, anche un omaggio sarebbe stato una forzatura. Infatti, in una delle sue candide e ciniche dichiarazioni, lo stesso artista dichiarò che dopo il diploma, dopo lo studio dei classici come Botticelli, Tiepolo e soprattuto Cranach (di cui spesso ci sono forti citazioni nei nudi e nelle pose), voleva creare qualcosa che nessun altro aveva mai fatto. Direi che c’è decisamente riuscito!

11    12 Big Hands 2010

John Currin “Lynette & Janette”,  2013           John Currin “Big Hands”, 2010

Buona vita a tutti

Beatrice

 

3 commenti su “John Currin: l’imperfezione che diventa ARTE

  1. You need to take part in a contest for one of the highest quality sites on the net.
    I will highly recommend this website!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *