Gualtiero Nativi: Un fenomeno dell’Astrattismo

Opera di Gualtiero Nativi, collezione privata

“Distrazione” di Beatrice Brandini

Fino al 21 agosto, Certaldo Alto, presso Palazzo Pretorio, ospita una bella mostra: “Gualtiero Nativi – opere dal 1946 al 1988”. Certaldo alto è una splendida cittadina medievale, la mostra di Nativi un’occasione in piū per visitarla.

Facciata di Palazzo Pretorio a Certaldo Alta

Interno della mostra di Gualtiero Nativi

L’esposizione, organizzata dalla Galleria Nozzoli di Empoli e dall’Archivio Nativi, è una bella opportunità per conoscere più da vicino questo straordinario artista, uno dei più validi e precisi pittori non figurativi del Novecento.  

   

Opere di Gualtiero Nativi esposte a Palazzo Pretorio

   

Opere di Gualtiero Nativi esposte a Palazzo Pretorio

L’opera di Nativi si colloca in un momento storico importante, quello dell’immediato dopoguerra, in cui le avanguardie artistiche erano astrattismo e concretismo, tuttavia la pittura di Nativi si distinse, fin dagli inizi,  per una ricerca essenziale di equilibri ritmici, in cui il colore, nel passare del tempo, avrà un ruolo fondamentale.

Opera di Gualtiero Nativi esposta a Palazzo Pretorio

 

   

Opere di Gualtiero Nativi esposte a Palazzo Pretorio

Opere di Nativi si trovano al Museo del Novecento di Firenze, al Museo di Palazzo Fabbroni di Pistoia, al museo Storico della Resistenza di Sant’Anna di Stazzema, alla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, alla Pinacoteca di Palazzo Pianetti, al Museo d’Arte di Gallarate…., conferma di un talento davvero grande.

Opera di Gualtiero Nativi esposta a Palazzo Pretorio

Nativi ha partecipato ad alcuni dei più importanti movimenti d’avanguardia del dopoguerra come Arte d’Oggi; ha fondato un giornale culturale rivoluzionario come il Torrente (insieme a Fernardo Farulli); nel 1950, con Vinicio Berti, Bruno Brunetti e Alvaro Monnini, firma il manifesto dell’astrattismo classico, dando vita al movimento omonimo. 

Ciò che mi ha sempre colpito nelle opere di Nativi ė stata la sua eleganza, la precisione di linee e forme che non è accademica, ma stile, purezza e duro lavoro. Nota infatti la sua dedizione al lavoro di artista, la sua riservatezza, e non meno importante, in un mondo come quello artistico in cui la vanità è quotidianità,  la sua modestia. 

   

Scorci di Palazzo Pretorio a Certaldo, sede della mostra

Nativi inoltre è stato sempre coerente, nel suo sogno politico e rivoluzionario (cambiare il mondo non era utopia ma volontà), soprattutto nella sua poetica. Ė stato l’unico pittore della sua generazione a portare avanti il discorso dell’astrattismo geometrico fino ala fine (tenendo fede, ecco ancora la coerenza, alla firma su quel famoso “Manifesto del”Astrattismo Classico”).

Autoritratto, opera di Gualtiero Nativi, collezione privata

Opera di Gualtiero Nativi, collezione privata

Grande disegnatore, ogni sua pittura nasceva da un disegno progettativo, ma la sua metodicità nel dipingere sembra assorbire o annullare il progetto, quello che, nell’opera di Nativi, possiamo definire architettura dei piani e dei colori.

Opera di Gualtiero Nativi, collezione privata

Opera di Gualtiero Nativi, collezione privata

Nativi ė anche il pittore della pulizia. Pulizia formale e cromatica. Ė il pittore che pensa, ragiona e mai “urla”. In un panorama arroccato nel suo passato, come quello toscano, la figura di Nativi ė decisamente una boccata d’aria fresca, oggi come ieri.

   

Certaldo

Ho la fortuna di avere alcune opere di questo bravo artista, consigliate da un grande gallerista come Giuliano Nozzoli che me le propose alcuni anni fa (oggi è il figlio Nicola a portare avanti la Galleria e anche la divulgazione – penetrazione di nuovi talenti). I quadri di Nativi sono sempre incredibilmente moderni,  riescono ad essere perfetti in ogni contesto,  abbellendo scorci e angoli con immensa armonia.

 

Mood astratto, omaggio al maestro Nativi, di Beatrice Brandini

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

Un commento su “Gualtiero Nativi: Un fenomeno dell’Astrattismo

  1. Sono stato a visitare la mostra di Gualtiero Nativi dopo il suo suggerimento (post) e devo ringraziarti perché è stata molto interessante così come visitare Certaldo con i suoi borghi medievali.

Rispondi a Ettore Bogani Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *