American Art 1961 – 2001 a Palazzo Strozzi va in scena lo spettacolo dell’arte americana.

Andy Warhol Campbell’s Tomato, Del Monte peach, Kellogg’s Corn… boxes, 1964

“Wonder girl” di Beatrice Brandini

Dal 28 maggio al 29 agosto Palazzo Strozzi presenta American Art 1961 – 2001, una grande mostra che celebra l’arte moderna degli Stati Uniti d’America, attraverso 80 opere di 55 artisti come Andy Warhol, Mark Rothko, Roy Lichtenstein, Barbara Kruger, Robert Mapplethorpe, Cindy Sherman e molti altri. Continua a leggere

MAFALDA: pacifista, ecologista, simpaticamente polemica, la bambina che fece la rivoluzione.

“Mafalda anni 2000″ di Beatrice Brandini

Mafalda di Quino

Quando ero piccola avevo tre fumetti preferiti (ho già parlato di Snoopy), gli altri due erano Zoe (di Arturo e Zoe) e Mafalda. Due bambine sui generis, irriverenti e divertenti, molto politicamente scorrette. Ed è piuttosto strano poiché io in realtà sono diversa, molto più conciliante e credo dolce. Continua a leggere

A Biella Douglas Kirkland ritrae due divine: Coco e Marilyn

Locandina della mostra Coco + Marilyn. Bella al centro del MI-TO

“Coco e Marilyn” di Beatrice Brandini

Dal 22 Maggio, la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella riapre gli spazzi di Palazzo Gromo Losa con la mostra Coco + Marilyn. Biella al centro del MI-TO, oltre cento scatti che ritraggono queste due donne straordinarie attraverso gli occhi del canadese Douglas Kirkland. Continua a leggere

Marcello Dudovich: l’artista che inventò il manifesto

“Elisa” di Beatrice Brandini

Acquerello di Marcello Dudovich

Alcuni anni fa, a Milano, feci un colloquio presso un’importantissima maison del lusso, non andò in porto (non prevedevo di trasferirmi in Piemonte, area in cui c’era l’intera filiera). Ricordo però che il fratello, uno dei due titolari del marchio, mi accolse in una sala in cui c’erano dei bellissimi disegni a matita di Marcello Dudovich. Pensai che quello poteva essere un valido motivo per recarmi ogni giorno in quel luogo. Continua a leggere

Giovanni Gastel e i suoi indimenticabili scatti di poesia

“Vittoria” di Beatrice Brandini

Shalom Harlow fotografata da Giovanni Gastel nel 1990

Erano mesi che volevo dedicare un post a questo grandissimo fotografo, soprattutto dopo la sua recente ed importante mostra monografia al MAXXI di Roma. Questo piccolo racconto, su questo grande maestro, è purtroppo postumo, poiché Giovanni Gastel ci ha appena lasciati; questa maledetta pandemia si è portato via anche lui… privando tutti coloro che amavano le sue foto e le sue poesie, attoniti e immensamente tristi. Continua a leggere