LOLITA: il capolavoro di Nabokov (e Kubrick), la passione come alienazione dell’essere umano.

Lolita di Vladimir Nabokov

“Dolores” di Beatrice Brandini

“Io non penso in nessuna lingua; penso per immagini”. Vladimir Nabokov.

Vladimir Nabokov pubblicò il suo romanzo più celebre, Lolita, nel 1955, la storia di una grande passione, pura e peccaminosa allo stesso tempo.

Indagando e penetrando nell’animo umano, Nabokov mise in scena la disperazione che solo un amore totale può provocare. Non diverso da quello di Tristano e Isotta, di Romeo e Giulietta o di Anna Karenina.

William-Adolphe Bouguereau, Boucles d’oreilles

Balthus, Katia che legge, 1968 – 1976

Ho letto il romanzo in età adulta, comprendo integralmente la sua grandezza; troppo spesso infatti, questo testo è stato vittima di fraintendimenti e scandali, a cominciare dalla sua prima pubblicazione. Ma anche se l’argomento appare scabroso e inopportuno, in realtà si tratta di una storia d’amore.

Notevole era la differenza di età dei due protagonisti, anche se oggi i 37 anni di Humbert Humbert, il professore che si innamora follemente di Dolores, chiamata anche Lola o, appunto, Lolita, fanno un po’ meno scalpore; infatti se negli anni cinquanta avere trentasette anni significava essere un signore attempato, oggi, alla stessa età, sei un giovane uomo.

Balthus, Ritratto di André Derain, 1936

William-Adolphe Bouguereau, Fardeau agréable

Ho visto anche il film di Stanley Kubrick, un capolavoro per regia, atmosfera e fotografia, niente a che vedere con la rivisitazione più recente. Kubrick era capace di cimentarsi in qualsiasi genere e fare di esso un capolavoro (paura Shining; fantascienza 2001: Odissea nello spazio; guerra: Full Metal Jacket; thriller psicologico : Arancia Meccanica; in costume: Barry Lyndon, ecc.).

Locandina “Lolita” di Stanley Kubrick, 1962

Si deve a Nabokov il termine Ninfetta (che attribuì a Lolita), una geniale interpretazione linguistica che prese in prestito da Ninfa, essere immortale che attirava il desiderio degli Olimpi verso la terra e ne invadeva la mente con la possessione erotica. Non fece forse lo stesso Dolores/Lolita a Humbert? Oggi questo termine, privato da ogni conoscenza etimologica, è usato negativamente e inopportunamente.

William-Adolphe Bouguereau, Avant le bain, 1900

Balthus, Therese, 1938

L’arte ha spesso rappresentato giovani o giovanissime donne, i due i pittori che più di altri ne hanno espresso le grazie, sono  Jacques Bourboulon e Balthus. 

Anche la moda, ciclicamente, presenta un’idea di giovane fanciulla attraverso abiti eterei, leggeri, floreali, di pizzo o san gallo. Inducendo le donne che li indosseranno a sentirsi, allusivamente,  un po’ Lolite.

No. 21

   

Stella McCartney

Philosophy by Lorenzo Serafini

Alberta Ferretti

Giamba

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

 

Un commento su “LOLITA: il capolavoro di Nabokov (e Kubrick), la passione come alienazione dell’essere umano.

  1. Come sempre i suoi post sono molto interessanti, è vero che si tratta di una storia d’amore ma c’è anche altro: le emozioni che questa adolescente maliziosa provoca in un uomo adulto suscitando un desiderio eccitante e travolgente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *