Mendini: l’architetto-designer che ama Arlecchino e Proust

1 copertina Mendini

Alessandro Mendini poltrona “Proust” per Alchimia

2 Bella per Mendini

“Bella” di Beatrice Brandini

Se c’è un oggetto che vorrei “possedere” più di un gioiello o di qualsiasi altra cosa “importante” è (assieme alla libreria Carlton di Sottsass), la poltrona Proust di Mendini. Perché ci sono cose che vedi per la prima volta e non riesci più a dimenticare, sono innovative, originali, divertenti, interessanti, in poche parole PERFETTE, proprio come quella poltrona.

3 Alessandro Mendini, Gueriero di vetro, 2001

Alessandro Mendini “Guerriero di vetro”, 2001 per Venini

4 anna gong vassoio     5

Alessandro Mendini “Anna Gong” e “Anna G”, alzata pieghevole e cavatappi per Alessi

6

Vasi di Alessandro Mendini

Alessandro Mendini è un grandissimo innovatore del design italiano, le sue creazioni sono spesso oggetti di esposizioni museali. E’ stato nominato Chevalier des Arts e des Lettres in Francia, ha ricevuto la laurea honoris causa dal Politecnico di Milano e l’onorificenza dell’Architectural League di New York, ha vinto due volte il Compasso d’oro, forse il premio più ambito e autorevole, nonché antico (istituito nel 1954), nel panorama del design mondiale. Una figura italiana che ci rende fieri e orgogliosi.

7 Alessandro-Mendini-Bisazza-Works-from-the-Bisazza-Foundation-Collections-yatzer-14

Alessandro Mendini per Bisazza Foundation

8 corkscrew-alessandro-mendini-2

Alessandro Mendini “Alessandro M.”, cavatappi per Alessi

Mendini è stato protagonista di moltissimi eventi culturali che hanno reso gli ultimi trent’anni del Novecento molto importante da un punto di vista creativo, ma anche teorico e critico. Ha fondato ed aderito a movimenti culturali come Global Tools e Alchimia; ha fondato le riviste di design Modo e Ollo, ha diretto Casabella e Domus.

9

Poltrona “Proust” di Alessandro Mendini

10    11

Torre del Paradiso a Hiroshima, Giappone. Progetto di Alessandro Mendini

Ha collaborato con Alessi, Bisazza, Driade, Swatch, Venini, Zanotta, ecc., creando ogni volta qualcosa di nuovo e diverso, ma anche sempre fedele alla sua giocosa poeticità. Importante ricordare anche la realizzazione di numerosi edifici pubblici in Italia e nel mondo, fra tutti la Torre del Paradiso a Hiroshima in Giappone, il Groninger Museum in Olanda, il Museo della Ceramica in Corea, la Stazione e la Metropolitana di Napoli.

12 groninger-museum-holland

Groninger Museum, Olanda. Progetto di Alessandro Mendini

Ha appena ricevuto il premio Cauda Pavonis (coda del pavone) alla sua prima edizione:  il primo riconoscimento dedicato ai “meridiani del colore”: studiosi e artisti che in diversi ambiti hanno contribuito con originalità a diffondere la cultura del colore e della bellezza. Personalmente credo che sia un riconoscimento assolutamente “giusto”, chi poteva vincerlo se non Mendini? ovvero colui che del colore, delle sue sfumature, delle campiture, ha reso oggetti di uso comune delle icone di design, rendendo le nostre case più belle ma soprattutto più ludiche, facendoci sorridere mentre stappiamo una bottiglia o schiacciamo una noce.

13

Alessandro Mendini “Parrot”, cavatappi sommelier per Alessi

14

Alesandro Mendini “Anna Etoile”, per Alessi. Il cavatappi trasformato in oggetto d’arte a tiratura limitata. 

15 

Alesandro Mendini “Anna Etoile”, per Alessi. Il cavatappi trasformato in oggetto d’arte a tiratura limitata. 

A me piace l’ironia, mi piace il gioco, mi piace stare molto lontano dalla retorica e pertanto faccio in modo che i miei oggetti esprimano queste cose, trasformandosi, in un  certo senso, in giocattoli per adulti, che però abbiano in sé una mistica, un senso della ritualità, una coscienza di comportamento dell’uso e di una coscienza dei gesti del vivere quotidiano”.  Alessandro Mendini

Alcuni miei schizzi di moda,  ispirati alla poetica e arte di Alessandro Mendini, 

16

Disegno Beatrice Brandini ispirazione Mendini

17

Disegno Beatrice Brandini ispirazione Mendini

18

Disegno Beatrice Brandini ispirazione Mendini

Ti ammiro grande architetto e designer Mendini,  ma sopratutto ti ringrazio per avermi colorato la vita nel quotidiano, facendo di un apribottiglie una bambola danzante, di un vassoio una faccetta impertinente, di un vaso uno scrigno magico.

19

Alessandro Mendini con alcuni suoi progetti

Buona vita a tutti!

Beatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *