Nel giardino di Boboli (poi a Pietrasanta), “GIVE” di Lorenzo Quinn. Per non dimenticare che la natura è la nostra amica più cara.

“Give” di Lorenzo Quinn

 “Mani e bambole” di Beatrice Brandini

E’ stata inaugurata oggi la bella scultura dell’artista Lorenzo Quinn, “GIVE”, per un mese sarà esposta in anteprima nel Giardino di Boboli (a Firenze), per poi passare a Pietrasanta, dove sarà installata nel Parco Internazionale della Scultura.

   

Inaugurazione dell’istallazione, l’artista scopre la statura insieme al sindaco di Pietrasanta, al vicesindaco di Firenze, al direttore degli Uffizi e al presidente della Fondazione Ginevra Olivetti Rason

L’opera fa parte di un progetto Onu contro il cambiamento climatico. Quinn, da sempre attento a questi temi, ha affermato che l’ispirazione è maturata dal rapporto tra l’umanità e la natura, che ha sempre dato e continua a farlo senza pretendere niente in cambio. “Nella vita per ricevere bisogna dare. E tutti noi abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere molto dalla terra. Per questo Boboli è da sempre una fonte d’ispirazione con il suo verde e il richiamo alla natura.  La mano dell’uomo è mia, quella della donna è di una modella, la loro unione rappresenta tutta l’umanità. Il bianco è il colore della purezza e dell’innocenza, della colomba e della pace. Per questo ho scelto di offrire un ulivo come messaggio universale”.

Alberto Giovannetti, Cristina Giachi, Eike Schmidt, Lorenzo Quinn e Gian Paolo Olivetti Rason

“Ancora una volta gli Uffizi si rendono protagonisti di un’iniziativa artistica che collega il capoluogo con un’altra città del territorio della Toscana. Il giardino di Boboli temporaneamente accoglie un’opera destinata a Pietrasanta per richiamare il rispetto, l’attenzione e la tutela dovuti all’ambiente e al nostro bellissimo paesaggio”. Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi. Come sempre parole sagge, espresse anche questa mattina con l’ironia intelligente che contraddistingue questo importante e innovativo direttore.

“Support” opera di Lorenzo Quinn, Venezia 2017

“Building Bridges” opera di Lorenzo Quinn, Venezia 2019

L’opera è stata realizzata con il contributo della Fondazione Ginevra Olivetti Rason, ed è in vetro resina e materiale riciclato, in modo da trasmettere un messaggio dichiaratamente attento alla sostenibilità ambientale. Il presidente della Fondazione, Gian Paolo Olivetti Rason,  ha dichiarato di essere in totale sintonia con l’opera “Give” poiché esprime gli stessi valori nei quali si identifica la stessa Fondazione. “ Donare pensando al prossimo, impreziosendo la vita quotidiana di contenuti e messaggi positivi, anche nelle arti, soprattutto in un momento complesso come quello attuale “.

“Give” opera di Lorenzo Quinn, Giardino di Boboli 2020

La scultura rappresenta una mano maschile e una femminile che accolgono una pianta d’ulivo, portatrice di un messaggio di pace rivolto all’umanità. Le mani sono da sempre il soggetto più caro all’artista (ricordiamo quelle straordinarie e monumentali esposte nel Canal Grande a Venezia durante la Biennale dell’Arte nel 2017 e nel 2019); secondo l’artista questa parte del nostro corpo, indispensabile e capace di fare tutto, il bene e il male,  dare piacere o sofferenza, permette ad un artista di esprimersi e di costruire qualcosa che speriamo, come in questo caso, possa essere un messaggio per l’umanità.

“Give”, l’artista appoggiato alla sua opera

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

2 commenti su “Nel giardino di Boboli (poi a Pietrasanta), “GIVE” di Lorenzo Quinn. Per non dimenticare che la natura è la nostra amica più cara.

  1. I just started my blog a few months ago and discovered this site just two weeks now, and wow…So grateful for you. Thanks for the post. awesome.. Floria Osbourn Korns

  2. It’s in reality a nice and useful piece of information. I’m satisfied that you just shared this useful information with us. Please keep us up to date like this. Thanks for sharing. Kaylil Terrence Raji

Rispondi a Kaylil Terrence Raji Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *