Milano Unica: Tendenze Primavera – Estate 2022

NATURE mood board di Beatrice Brandini

Banner Milano Unica

La parola chiave di questo edizione digitale è RE- TOUCH, un omaggio al senso del tatto, che c’è mancato (e continua a mancarci) per molti mesi, segnati inesorabilmente dal Covid 19. MILANO UNICA RE-TOUCH significa omaggiare le suggestioni che proviamo quando tocchiamo un tessuto o un materiale, trame e orditi, intrecci e cimose. Insomma quando siamo a contatto con quelle magnifiche stoffe che evocano sensazioni ma anche abiti concreti, quelli che tutti noi vorremmo sempre indossare

Milano Unica raccoglie i più importanti produttori nel campo tessile, focalizzando, ormai da qualche tempo, l’attenzione sulla sostenibilità. Adesso questo tema diventa anche quello del RI-USO, del RI-CICLO, della RI-ELABORAZIONE e della RI-DIGITALIZZAZIONE. 

La parola chiave sarà RI-TOUCH,  ovvero sentire la corposità di un tessuto, la sua morbidezza, la sua leggerezza, il suo spessore, la sua finezza.., tutte sensazioni che possiamo percepire attraverso il tatto. Il trend della Primavera – Estate 2022 di Milano Unica riparte proprio dalla tattilità di tessuti e accessori moda per definirne la loro specificità e unicità.

DIGITAL mood board di Beatrice Brandini

DIGITAL mood board di Beatrice Brandini

DIGITAL mood board di Beatrice Brandini

DIGITAL è il primo tema, in cui forme rigorose e simmetrie moderne sono l’ispirazione principale. I giochi grafici dei tessuti sono ri-elaborati digitalmente, con un chiaro omaggio a grandi architetti italiani degli anni Quaranta e Cinquanta. La ricerca della forma pura ed essenziale è alla base di questo tema.

Tessuti: Seta, interpretata in trame cangianti come lo shantung, il taffetà e il crêpe satin. Il cotone è sviluppato su rasatelli, cretonne e panama. Disegnature mosse come l’occhi di pernice e il piquet. Lana mescolata con lino, seta, soia e bambù. Rayon, cupro e modal si mescolano al nylon e al poliestere, sempre rigenerati.

Accessori:  Nastri effetto 3D. Applicazioni a rilievo. Cellulosa per cartellini ed etichette, ma anche per bottoni e fibbie in rilievo.

Colori: Digital White, Azzurro polvere, Lilla, Viola ametista. Molte le tonalità del blu, come Blue di Prussia, il Blu notte e il Deep Blue. Ma anche tonalità legnose e aranciate come il Giallo Douglas, il Marrone castagno, il Giallo rovere, il Malva ciliegio, l’Arancio bronzato e il Beige teak. 

NATURE mood board di Beatrice Brandini

NATURE mood board di Beatrice Brandini

NATURE mood board di Beatrice Brandini

NATURE è il secondo tema con un chiaro omaggio all’estetica di William Morris fondatore del movimento Arts and Crafts; una natura preraffaellita, che diventa modernissima con disegnature ad effetto 3D, fiori e disegni geometrici, prediligendo le arti tessili tradizionali, valorizzando l’enorme e magnifico patrimonio del “made in Italy”. 

Tessuti: Fibre vegetali, esclusivamente sostenibili e ecocompatibili. Materiali a base di Bambù, Aloe e Agave per proteggere la pelle. Lino per jacquard dagli aspetti grezzi e irregolari;  cotone, popeline, mussole e organze, ma anche gabardine che realizza texture botaniche a rilievo. Canapa, Juta, ramiè, stampe a rilievo e effetti preziosi dal disegno botanico. Ritroviamo anche fibre sintetiche rigenerate per valorizzare la tridimensionalità del disegno, come il nylon, l’elastan e il lurex. Il rayon, con il suo caratteristico aspetto brillante, da vita ad effetto traslucidi.

Accessori: anche qui dominano le fibre di origine vegetale, pizzi e nastri sono di cotone. Aspetti lucidi vengono conferiti dalla seta e dalle viscose; la seta si intreccia anche a filati rustici come i lino e la juta. Plastiche rigenerate danno vita a bellissimi bottoni e fibbie.

Colori: tonalità naturali: Grigio tubero, Verde agave, Verde edera, Grigio camou, Terra d’ombra, , mescolate a tonalità polverose. Terracotta, Verde oliva, Giallo petalo, Giallo limone, Giada.

URBAN mood board di Beatrice Brandini

URBAN mood board di Beatrice Brandini

URBAN mood board di Beatrice Brandini

L’ultimo tema è quello denominato URBAN: lo spunto grafico arriva dallo skyline delle città, dai palazzi e dai grattaceli. Per questo la verticalità diventa riga. I tessuti sono quelli classici del guardaroba maschile, come il gessato. La ri-lettura di tessuti presi in archivi storici italiani, rielaborati attraverso una grafica originale e digitale.

Tessuti: la lana come gessature, il cotone sviluppato nel popeline e nelle tele impreziosite da righe tridimensionali. Denim che si accosta ad aspetti serici, e ancora fibre rustiche come canapa, lino, juta. Rayon, cupro e modal, naturalmente fluidi si arricchiscono di fantasie ottiche.

Accessori: nastrature composte e assemblate valorizzano le zip. La mescolanza dei filati regala alle applicazioni motivi volumetrici. Le cellulose rigenerate vengono utilizzati per realizzare bottoni prospettici.

Colori: Off-White, il Nero e il Cammello, ovvero i classici colori dell’abbigliamento maschile, ma questi si mescolano al Bianco corda, al Daino, al Crema, al Rosa crepuscolare, al Grigio Nebbia, al Grigio asfalto, all’Azzurro vetro e cielo, al Giallo industriale e al Glossy red.

Queste magnifiche proposte saranno parte dello spunto e dell’ispirazione nella fase creativa di designer e maison, essenziali manufatti per la realizzazione di ciò che ci ha reso famosi in tutto il mondo, il nostro inconfondibile e inimitabile “made in Italy”. Tuttavia per la prossima edizione, che si svolgerà a Febbraio 2021, ci auguriamo con tutto il cuore che l’Italia e il mondo intero sia uscito da questo terribile momento dettato dalla pandemia. Sono una sognatrice ma so bene che il Covid  a febbraio non sarà ancora del tutto alle nostre spalle, ma mi auguro ugualmente che il mondo rinasca, che dietro questi mesi di incredibile angoscia e smarrimento, ci sia una ripartenza piena di ottimismo e opportunità per tutti, soprattutto per il comparto tessile, abituato a fare spesso (tutto) da solo.

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

4 commenti su “Milano Unica: Tendenze Primavera – Estate 2022

  1. I do not even know how I ended up һere, but I thought this post was good.
    I don’t know who you are ƅut defіnitely you are going
    to a famous blogger if you are not already 😉 Cheers!

  2. Υou could definiteⅼy see your enthusiаѕm in the work үou write.
    Thе ѡorld hopes for even more pasѕionate ԝriters such aѕ you who aren’t afraid to say how they believe.
    All the time go after yoսr hеart.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *