MilanoUnica: tendenze per l’ Autunno – Inverno 2020/21

Fabbrica Orobia, banner MilanoUnica

“CIRCUS” Mood di Beatrice Brandini

A Milano, presso la Fabbrica Orobia, si è svolto l’incontro sulle tendenze che ci accompagnerà verso la 29esima edizione di MilanoUnica del prossimo Luglio, incontro che, come di consueto, ha dettato i diktat su quelle che saranno le direzioni dei tessuti, colori, accessori, per l’Autunno – Inverno 2020-21. Nuove e originali suggestioni hanno dato vita al percorso tematico “Ecorotica” , una sorta di acronimo, o gioco di parole, in cui gli attori principali sono SOSTENIBILITÀ’ ed EDONISMO.

Due temi contraddittori e assolutamente contemporanei, in cui da una parte diventa necessario ogni tipo di impegno, come quello per la salvaguardia del nostro pianeta, ma dall’altra è la ricerca del piacere e dell’apparire a determinare oggi uno stile/modello  di vita. Questo accostamento bizzarro e inconsueto, sviluppato dalla Commissione Stile sotto la direzione di Stefano Fadda, ha determinato un lavoro interessante poiché i riferimenti culturali e iconografici attingono dal cinema, dall’arte contemporanea, dalla musica, mescolando estetiche e influenze diverse.

Tre i temi presentati sotto il claim “Ecorotica”: Ecorotic Drama, Ecorotic Eden, Ecorotic Circus.

Tre palcoscenici di vita, come sapientemente sono stati definiti da MilanoUnica, in cui dramma, soprannaturale e surreale si mescolano e danno vita a meravigliosi manufatti.

Come faccio solitamente, per raccontare l’incontro in un modo efficace e immediato a tutti gli studenti, stilisti e aziende che mi seguono, ho preparato dei mood board con i miei schizzi, immagini evocative e i meravigliosi tessuti presentati.

Il primo palcoscenico è “Ecorotic Drama”:

Dramma e recitazione, pathos ed emotività sono le parole chiave. Teatralità. David Lynch e Man Ray. Tessuti come broccati, organze, velluti, lamé. Accessori preziosi, collane, perle, jais. Serpenti e disegni ornamentali impreziosiscono tessuti e dettagli. Colori intensi come il Burgundy, il blu notte, il nero, o lievi come il carne e il color buccia di cipolla; infine tocchi metallici dati dall’acciaio e dal bronzo.

“Drama” mood di Beatrice Brandini

“Drama” mood di Beatrice Brandini

“Drama” mood di Beatrice Brandini

“Drama” mood di Beatrice Brandini

“Drama” mood di Beatrice Brandini

“Drama” mood di Beatrice Brandini

“Drama” mood di Beatrice Brandini

Il secondo palcoscenico è “Ecorotic Eden”:

Fauni, chimere, piante, umanoidi, metà insetti e metà uomini, caratterizzano per atmosfere, colori e texture questo tema onirico e sovrannaturale. Non è una natura rassicurante ma è piena di suggestioni. Tessuti lavorati, tridimensionali, sbrindellati, sezionati. Piume e pellicce ecologiche,  jacquard dai disegni caleidoscopici. Colori come il verde muschio e il salvia, il rosa pallido, il corallo, l’argento, il violetto uva, il lavagna.

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

“Eden”  mood di Beatrice Brandini

L’ultimo palcoscenico è “Ecorotic Circus”:

Un tema la cui attitudine è nel nome stesso, ovvero quella beffarda e spavalda di chi finge per gioco o per arte. Pagliacci, giocolieri, saltimbanchi. Il terreno ideale per l’indole gotica e onirica di Tim Burton. Tessuti come pizzo e popeline finissimi, scozzesi e pied de poule. Moltissimi i ricami e le applicazioni tridimensionali su tessuti. Accessori sensuali e sexy. Colori: off white, vermiglio, oro, ocra, melanzana, geranio, peonia, blu intenso.

“Circus” mood di Beatrice Brandini

“Circus” mood di Beatrice Brandini

“Circus” mood di Beatrice Brandini

“Circus” mood di Beatrice Brandini

“Circus” mood di Beatrice Brandini

“Circus” mood di Beatrice Brandini

“Circus” mood di Beatrice Brandini

Il tema della ecosostenibilità è ormai urgente e MilanoUnica è da un po’ di tempo che ne parla con risonanza internazionale. L’unico scenario possibile per un mondo migliore è quello di tenerne conto con impegno e serietà, facendo in modo che i processi creativi partano da questo punto.

Ecorotica è in realtà una riflessione attenta su quelli che sono i comportamenti delle nuove generazioni e non solo. “Il tema dell’erotismo nasce dall’osservazione degli atteggiamenti che i social network hanno innescato su scala mondiale” spiega lo stesso direttore artistico Stefano Fadda. “La legge dei “like” ha infatti promosso il desiderio o bisogno di mostrarsi e di apparire per essere approvati e condivisi…”

“E’ interessante scoprire come due aspetti apparentemente così distanti siano stati accostati creativamente” è il commento di Ercole Botto Paola, Presidente di Milano Unica. “La sostenibilità intesa come impegno a lungo termine per il nostro pianeta, è oramai da tempo al centro delle iniziative di Milano Unica”. 

   

Allestimento MilanoUnica Fabbrica Orobia

E’ sempre molto interessante partecipare a questi incontri, un vero e proprio stimolo creativo. Un mondo magico, quello delle eccellenze tessili italiane. Da molti anni ormai osservo ammirata queste collezioni, che siano di fili, tessuti o accessori, poco importa, quello che conta è la grande creatività e l’incisiva capacità produttiva, queste aziende realizzano i sogni e le visioni creative di noi designer, in modo efficace e continuo. 

Alla prossima MilanoUnica!

Buona vita a tutti

Beatrice

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *