RAGAZZE CON LA SCIARPA: Stellina, il bello della vita

 

“Stellina nel freddo” di Beatrice Brandini

Milioni di anni fa, dopo una grande esplosione di pianeti e stelle, il Dio dell’Universo per rimettere le cose a posto in un modo da generare il sorgere della vita, sudò così tanto che una goccia di sudore riuscì a penetrare ogni ostacolo e a raggiungere la Terra.

“La goccia” di Beatrice Brandini

Questa piccola gocciolina diede inizio al sorgere dei mari e di conseguenza all’acqua e alla vita (ecco perché l’acqua del mare è salata). E’ stata dunque la fatica e il sudore, a dar vita a tutti i procedimenti naturali creando una connessione inscindibile fra tutte le cose e a generare l’umanità.

Però la sopravvivenza sulla Terra era a rischio perché la temperatura era troppo bassa, infatti vedendo una bambina innocente che tremava come una foglia, nonostante la sua sciarpina di juta, e che probabilmente non sarebbe sopravvissuta, il Signore si commosse e, arrabbiatissimo, pensando di aver fallito la Creazione, batté il pugno così forte su una vicina piccola stella. Questa si frantumò in miliardi di pezzi, uno dei quali, il più luminoso di tutti, divenne il Sole, alimentando un clima ideale per poter sopravvivere.

“Il pugno sulla stella” di Beatrice Brandini

La bambina si salvò, tornò a sorridere ed ebbe la possibilità di diventare grande  e donare nuova vita. Quel giorno era la ricorrenza del nostro attuale giorno di Natale. Il Signore soddisfatto diede un nome a quella bambina che aveva ridato speranza (ecco appunto da dove nasce la speranza) anche a Lui stesso, chiamandola Stellina. E da quel giorno la sua speciale bacchetta reca al vertice una piccola stella.


“Stellina con la sciarpa di juta” di Beatrice Brandini

Purtroppo da quell’impatto violentissimo,  e dalla sua conseguente frantumazione, non venne fuori solo il Sole ma anche tanti altri frammenti, uno di questi, scuro e spento, invece di polverizzarsi nell’atmosfera si adagiò sulla Terra, portando un’ energia negativa e dando origine a quella forza che noi chiamiamo “il male”. Le due forze create da Dio involontariamente, originarono l’infinita sfida tra il bene e il male. 

“La Tentazione” di Beatrice Brandini

Il Natale ci ricorda ogni anno che “Il bello della vita” è LA VITA stessa. Che tutto dipende sempre da noi stessi, dalla nostra forza, dal cuore con cui affrontiamo le sfide, dalla speranza, dalla condivisione, dall’altruismo, dal lavoro, dalle buone idee, ma soprattutto da quella forza positiva che creò il Sole. Per questo motivo dovremmo considerare “il bello della vita” non solo il giorno di Natale, ma ogni giorno dell’anno.

La tentazione è sempre dietro l’angolo ma è la nostra intelligenza, l’esperienza, la nostra integrità, insieme all’aiuto di qualcuno che ci sostiene dall’alto con la sua bacchetta magica “Stellina”, a ricordarci ogni volta di scacciare questa forza crudele che assume miriadi di forme, facendo prevalere sempre il Bene che tutti abbiamo dentro di noi.

“La bacchetta magica Stellina” di Beatrice Brandini

Questa storia frutto della mia fantasia (e del mio cuore), la voglio dedicare ad un signore, che una mia amica conosce benissimo, le cui parole, questa estate, mi hanno  fatto riflettere.

Un giorno, in cui il tempo era tremendamente brutto, mi rivelò che andava comunque al lavoro in bicicletta, nonostante la lunga distanza da affrontare, il traffico e le insidie della strada. Ma alla mia domanda “Non è pericoloso usare ogni giorno la bici per andare al lavoro in qualsiasi situazione? Lui mi rispose, con una calma assoluta, cosciente del pericolo, ma tranquillo e sicuro, di no, poiché era protetto da Dio. 

Adesso ho capito da dove deriva la sua calma, il motivo è perché ogni giorno si comporta in modo corretto e sincero con tutti. Ora lo so benissimo e devo dire che questa sua convinzione, il suo credere, rende davvero più forti; se hai dalla tua parte quella speranza, puoi ripartire sempre, anche quando, come in questo periodo, dobbiamo affrontare grandi difficoltà.

Grazie Amico per avermelo fatto notare e grazie al tuo speciale protettore che hai scelto, probabilmente non ce n’è uno migliore.

Buona vita a tutti!

Beatrice

 

2 commenti su “RAGAZZE CON LA SCIARPA: Stellina, il bello della vita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.