Tendenze Bimbo Autunno/Inverno 2015-16

1

 “Inverno” Elio De Luca, olio su legno, collezione privata

2

“ADVENTURE” Mood di Beatrice Brandini

La moda è sempre più leggera, ludica, sorprendente… se si pensa che un marchio come Givenchy (solitamente, sotto la direzione di Tisci, più dark e drammatico), l’Inverno appena trascorso aveva messo Bambi nelle sue maglie/felpe, si capisce che il mondo infantile non solo ispira la moda, ma la alimenta e la completa, soprattutto in un periodo “pesante” come questo, in cui ognuno avrebbe proprio bisogno di chiudere gli occhi e sognare…. magari abbracciando Topolino….

Il divario fra il mondo bimbo/junior e adulto è sempre più labile, gli adulti passano ore a giocare con videogiochi, anche grazie alle tecnologie dei nuovi telefonini (su facebook continuo a ricevere inviti a giocare… non gioco e non so nemmeno come si fa…), così come si appassionano a saghe che in un altro periodo forse sarebbero state destinate esclusivamente al pubblico dei teen (fra tutte penso a Hunger Games). I piccoli, dal canto loro, crescono sempre più in fretta…, la tecnologia è per loro una realtà dalla nascita e anche nei gusti non cercano più solo di emulare fratello o sorella più grandi, hanno gusti ben precisi e non sempre adattissimi alla loro “tenera” età (vedi teschi, elementi gotici, videogame….).

Per L’Inverno 2015/2016 ho immaginato 3 temi importanti, come sempre molto diversi fra loro, anche perché sempre di più la moda è libera interpretazione, di se stessi, dei propri desideri, della propria consapevolezza di ciò che ci piace e ci sta bene…

Il primo trend l’ho chiamato ADVENTURE, pensando al bisogno, sempre più forte, di stare all’aria aperta, di vivere insieme agli altri sperimentando giochi di squadra, di avventura e di evasione.  Le nuove generazioni, spero soprattutto grazie al lavoro dei loro genitori, hanno un senso etico più forte, per questo la natura è rifugio ma anche salvaguardia e attenzione.

I focus su questo tema sono: 

Tessuti naturali, colori della terra, con la predilezione di tutti i toni del verde e del marrone, ma anche toni naturali, dal bianco ottico, al crema, al grigio mélange. Pellicce ecologiche, lane cotte, velluti, jersey doppiati, tessuti effetto “fatto a mano”. Fogge semplici, applicazioni o stampe animalier, ma ironiche e inaspettate.

adventure 1

adventure 2

“Adventure Mood” di Beatrice Brandini

mood adventure

“Adventure Mood” di Beatrice Brandini

Ho chiamato il secondo tema “Circus”, proprio per enfatizzare il bisogno di leggerezza, allegria e di festa, che, in ogni parte del mondo, sembra diventare un valore importante. E’ un tema colorato, gioioso, infantile e femminile.

I focus di questo tema sono:

Fogge principesche ma molto più rock e unisex del passato. Colori brillanti e vivaci, come rosso rubino, giallo girasole, viola, glicine, turchese, spesso accostati al nero per smorzarne la tonalità accesa. Tessuti naturali, come lana grossa, cotone doppiato, ma anche tessuti preziosi come duchesse, moiré, seta… sempre abbinati per sdrammatizzarne la preziosità. Lavorazioni a mano, voglia di artigianalità non sartorialità. Molti abitini,  gonne, maglieria leggera, come l’angora, deliziose camicette con jabot.

circus 1

“Circus” Mood di Beatrice Brandini

circus 2

“Circus” Mood di Beatrice Brandini

mood circus

“Circus” Mood di Beatrice Brandini

Il terzo tema l’ho chiamato Graphic Art. E’ un tema che vuole sottolineare il binomio sempre più forte fra arte e moda (evviva!!), e l’avvicinarsi, anche da parte dei bambini, al mondo della cultura e dell’arte, vedi i laboratori all’interno dei musei, iniziative di marchi nel customizzare un prodotto creando una sorta di opera d’arte, il valore dell’artigianalità e della tradizione come valori culturali, ecc. ecc.

I focus di questo tema sono:

La grafica, astratta, digitale, pixel, applicata, ma sempre come se fosse opera d’arte e “pezzo unico”. Ispirazione Pollock, Warhol e i writers di strada, veri e propri artisti… Ma anche applicazioni, patchwork, colour block.. Colori primari e brillanti, fluorescenti e acidi. Fogge sportive e lifestyle. Tessuti denim, jersey, felpe, nylon, mesh…

graphic 1

“Graphic Art” Mood di Beatrice Brandini

graphic 2

“Graphic Art” Mood di Beatrice Brandini

mood graphic

“Graphic Art” Mood di Beatrice Brandini

La moda Childrenswear è un altro fiore all’occhiello dell’Italia, sono infatti moltissime le aziende specializzate nel bimbo, con eccezionali risultati, sia da un punto di vista creativo /qualitativo, sia da un punto di vista di business, con esportazioni importanti in tutto il mondo.

Chiaramente questo periodo di crisi, ci auguriamo ormai alle spalle, ha frenato importanti trend di crescita, soprattutto nel mercato interno, registrando un calo degli acquisti, anche per i bambini. Ma sono sicura che ancora una volta, come per gli altri comparti, queste importanti e grandissime aziende (non sempre contano le dimensioni), ce la faranno, probabilmente rivedendo qualcosa al loro interno, ma non è detto che sia un male. Poiché, l’unica cosa positiva della crisi, è la capacità di reinventarsi, di rimboccarsi le maniche, facendosi venire anche delle grandi idee, che talvolta, quando tutto va bene, diamo per scontato…

Buona vita a tutti!

Beatrice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *