Giro Giro Tondo @ Triennale Design Museum: quando il design ludico diventa l’accesso a un mondo fantastico.

1 Camilla con gli amici di infanziajpg

“Camilla con gli amici d’infanzia” di Beatrice Brandini

2

Ingresso mostra “Giro Giro Tondo Design for Children” alla Triennale, Milano

“Giro giro tondo, casca il mondo, casca la terra, tutti giù per terra….”

Ho aperto con la filastrocca di un indimenticabile gioco di quando eravamo bambini, filastrocca che dà anche il nome a una bellissima mostra alla Triennale di Milano (aperta fino al 18 febbraio 2018). Continua a leggere

Parigi celebra Irving Penn: il creatore di magici ritratti e di alcune delle più belle foto di moda del secolo scorso.

1 lisa fonssagrives

Lisa Fonssagrives, foto Irving Penn

2 Jean

“Jean” di Beatrice Brandini

A Parigi una grande retrospettiva celebra uno dei fotografi più importanti e talentuosi del secolo scorso: Irving Penn. inaugurata poche settimane fa (aperta fino a gennaio 2018), nell’anno, il 2017, che segna il centenario dalla nascita di quest’incredibile maestro della fotografia. Continua a leggere

Paris Fashion week: P / E 2018

1

Vintage postcard “Paris”

2_e_16 Pop

“POP and DECORATIVE” Mood di Beatrice Brandini

Con Parigi si concludono le sfilate donna del prêt-à-porter per la prossima stagione Primavera Estate 2018. Abbiamo visto tante proposte, oltre ai trends che ho segnalato, vale la pena menzionare anche il CHECK, le PIUME, le FRANGE, gli IMPER. Rispetto a qualche anno fa, la moda di oggi è un po’ più omologata, è facile rivedere quello che viene proposto a New York a Parigi o a Milano. Potremmo legare quest’aspetto alla perdita di un’identità geografica-culturale per effetto della globalizzazione, ma anche alla crisi che ha condizionato perfino la creatività, in cui osare significa troppo spesso rischiare. Continua a leggere

Milano Fashion week: P/E 2018

1

Milano “Galleria”

2

“Romantic femininity” di Beatrice Brandini

Si sono concluse anche le sfilate di Milano, confermando che la moda italiana è la più bella di tutte. Si, lo so, potrebbe sembrare un’affermazione pretenziosa e di parte, ma non è vero. La moda italiana è quella che coniuga, più di ogni altra, creatività, artigianalità, mestiere, e soprattutto, portabilità. Non è un termine particolarmente felice, ma significa che a differenza di altre realtà e di altri grandi designer, Maison e creativi italiani fanno abiti caratterizzati da fantasia e commerciabilità, in altre parole, una volta usciti dalle passerelle, possiamo indossarli. E credetemi, è una delle cose più difficili. Continua a leggere