L’86esima edizione di Pitti Bimbo con le sue 578 collezioni per i bimbi di tutto il mondo!

1_Pitti bimbo bambina

“Funny Girl” di Beatrice Brandini

2

Powerpuff Girls

Si è aperta ieri l’86esima edizione di Pitti Immagine Bimbo, la più importante e completa fiera per l’abbigliamento infant, kid, junior. Molte le novità, 578 sono infatti i brand presenti in Fortezza da Basso (erano 503 la scorsa edizione invernale), di cui 344 stranieri. Ed è un bel segnale, se siamo capaci di interpretarlo nel modo giusto, ovvero la volontà di entrare nel mercato italiano, il più esigente del mondo, e soprattutto la fiducia in una fiera italiana, Pitti, come vetrina e trampolino di lancio a livello internazionale. Continua a leggere

93° Pitti Immagine Uomo: qui è come sarà l’uomo elegante per l’Inverno 2019. Seconda parte

1

Karl Lagerfeld layout stand

2 Dandy_Rock

“Dandy Rock” di Beatrice Brandini

Riprendo il viaggio all’interno dei saloni di Pitti Immagine Uomo. La fiera si è conclusa con oggettivi e positivi dati di mercato. Affluenza record, più visitatori ma soprattutto, più compratori. Una boccata d’aria fresca di cui tutti avevamo tremendamente bisogno. Continua a leggere

93° Pitti Immagine Uomo: qui è come sarà l’uomo elegante per l’Inverno 2019

1

Layout Pitti Immagine Uomo, “Pitti Live Movie” il claim di questa 83esima edizione

2 Athletic_Formal 1

“Athletic Formal” mood di Beatrice Brandini

Si è aperta martedì la 93esima edizione di Pitti Immagine Uomo, imperdibile fiera per l’abbigliamento maschile. E’ qui che si decretano i parametri dell’eleganza per il prossimo Autunno – Inverno 2018/19. Oltre ai 1.244 marchi esposti con le loro interessanti e molto varie collezioni, è ormai un appuntamento fisso quello che si danno uomini da tutto il mondo per sfoggiare, facendo a gara, le mise più particolari e talvolta improbabili, ma che tuttavia decretano mode e tendenze. Continua a leggere

Museo Casa Mollino: in un luogo magico dove la suggestione diventa soggezione.

1 cop

Particolare camera delle Farfalle, Museo Casa Mollino. Torino

2 farfalla

“Farfalla” di Beatrice Brandini

Ho già dedicato un post a Carlo Mollino (febbraio 2015), il cui lavoro e la sua personale visione estetica, hanno avuto una grande influenza nel mondo dell’arte e della cultura in genere. Dopo aver letto molto su di lui, volevo visitare la sua Casa che l’appassionato e tenace Fulvio Ferrari (insieme al figlio Napoleone) ha rifatto vivere trasformandola in un museo. Continua a leggere

Giro Giro Tondo @ Triennale Design Museum: quando il design ludico diventa l’accesso a un mondo fantastico.

1 Camilla con gli amici di infanziajpg

“Camilla con gli amici d’infanzia” di Beatrice Brandini

2

Ingresso mostra “Giro Giro Tondo Design for Children” alla Triennale, Milano

“Giro giro tondo, casca il mondo, casca la terra, tutti giù per terra….”

Ho aperto con la filastrocca di un indimenticabile gioco di quando eravamo bambini, filastrocca che dà anche il nome a una bellissima mostra alla Triennale di Milano (aperta fino al 18 febbraio 2018). Continua a leggere

Parigi celebra Irving Penn: il creatore di magici ritratti e di alcune delle più belle foto di moda del secolo scorso.

1 lisa fonssagrives

Lisa Fonssagrives, foto Irving Penn

2 Jean

“Jean” di Beatrice Brandini

A Parigi una grande retrospettiva celebra uno dei fotografi più importanti e talentuosi del secolo scorso: Irving Penn. inaugurata poche settimane fa (aperta fino a gennaio 2018), nell’anno, il 2017, che segna il centenario dalla nascita di quest’incredibile maestro della fotografia. Continua a leggere

Paris Fashion week: P / E 2018

1

Vintage postcard “Paris”

2_e_16 Pop

“POP and DECORATIVE” Mood di Beatrice Brandini

Con Parigi si concludono le sfilate donna del prêt-à-porter per la prossima stagione Primavera Estate 2018. Abbiamo visto tante proposte, oltre ai trends che ho segnalato, vale la pena menzionare anche il CHECK, le PIUME, le FRANGE, gli IMPER. Rispetto a qualche anno fa, la moda di oggi è un po’ più omologata, è facile rivedere quello che viene proposto a New York a Parigi o a Milano. Potremmo legare quest’aspetto alla perdita di un’identità geografica-culturale per effetto della globalizzazione, ma anche alla crisi che ha condizionato perfino la creatività, in cui osare significa troppo spesso rischiare. Continua a leggere